Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Alessandria

Amag Ambiente: amministratore unico e nuovi servizi. "Sono scelte politiche, non obblighi di legge"

Sugli aspetti poco chiari delle modifiche allo statuto di Amag Ambiente si era già discusso in commissione consiliare. Ma è Giorgio Abonante a non voler sentire scuse: "non sono obblighi di legge, imposti dalla Madia. Alcuni passaggi sono scelte politiche chiare dell'amministrazione, che farebbe bene a dirlo esplicitamente". Ecco di cosa si tratta....
 ALESSANDRIA - Scelte politiche o adempimenti di legge? Al di là dell'essere più o meno d'accordo alle modifiche del nuovo statuto di Amag Ambiente il punto sembra essere questo: si sono prese alcune decisioni per volontà politica da parte della giunta, per la visione futura che si ha dell'azienda e della sua struttura amministrativa, oppure perché sono imposizioni della Legge Madia?

Per il consigliere del Partito Democratico Giorgio Abonate, la prima. “Sono scelte politiche e sarebbe bene esplicitarle chiaramente come tali”. Il riferimento è soprattutto alla scelta di cambiare il Consiglio di Amministrazione trasformandolo in un Amministratore unico. “Comprensibilmente per mettere alla guida una persona di fiducia della amministrazione Cuttica”. Così come le nuove attività che sono state aggiunte nell'oggetto sociale: taglio e cura del verde, servizi cimiteriali, pulizia caditoie. Solo per fare alcuni esempi. “L'amministrazione ha espresso la volontà di esternalizzare i servizi cimiteriali anche sul proprio programma di mandato. Inserendoli ora tra i compiti di Amag Ambiente si capisce chiaramente quale è la strada che si vuole prendere”. La domanda è “dove sta andando il Comune? Verso quale politica?” secondo l'ex assessore al Bilancio, Abonante. Molti servizi in passato sono stati affidati alla vecchia Amiu, “con una esplosione della spesa, che l'ha portata alla fine della crisi insostenibile al fallimento”. Come a dire solo, state attenti.

“Una possibilità, una porta che si lascia aperta per il futuro. Ma nessuna intenzione in questo momento di aggiungere funzioni e servizi all'azienda” è stata invece la replica del vicesindaco Davide Buzzi Langhi. Che ha anche messo un punto alle paure del Movimento 5 Stelle che sono quelle di possibile vendita delle quote in capo al Comune, ovvero di andare progressivamente verso una “privatizzazione”. “Ad oggi l'unica realtà inserita nelle alienazioni è la Centrale del Latte. Per le altre aziende partecipate del Comune non c'è nessuna cessione quote all'orizzonte”.

Il punto cruciale per la maggioranza che sostiene la giunta di Palazzo Rosso è invece racchiusa nella parola “cambiamento”: l'importante è arrivare ad un miglioramento della attuale condizione del servizio offerto dall'Azienda. “Sporcizia per strada, insoddisfazione dei cittadini”. Queste sono le sole risposte che i consiglieri di maggioranza vogliono dare. E se si riesce a farle con alcuni cambiamenti, come il passaggio ad un unico “amministratore” o con altri servizi in capo ad Amag Ambiente, ben venga. Per loro queste sono le “azioni concrete” dovute ai cittadini, a coloro che li hanno votati. Visto che quello della pulizia, del decoro è stato uno dei tanti cavalli di battaglia in campagna elettorale per il centro destra.

Un grosso impegno quello nascosto dietro le parole di gruppi come Lega Nord o Forza Italia: “la gestione fino ad oggi non ha accontentato la città. Quindi la ratio dietro a queste scelte è quella del 'cambiamo per migliorare'”. Anche per Locci, spogliato delle vesti di presidente del Consiglio comunale, “la scelta di un amministratore unico (sebbene non sia la mia prediletta) potrebbe essere il modo per sbloccare l'ingessamento di questa azienda, che ha avuto in questi mesi due anime, un presidente e un direttore che avevano soluzioni diverse”. E pr non far mancare i toni forti, di polemica ha tirato in ballo il "conflitto d'interessi" del presidente dell'azienda messo sotto l'amministrazione Rossa, a capo di una cooperativa che svolgeva lavori per Amag Ambiente. "E noi su questo abbiamo chiesto a Cantone, abbiamo presentato esposto".
19/11/2017
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus



Operazione dei carabinieri
Operazione dei carabinieri
Porte aperte al Marenco
Porte aperte al Marenco
Parco Euronovi
Parco Euronovi
Porte aperte al Marenco
Porte aperte al Marenco
Nuovo allestimento per “I Percorsi dell’Arte” dedicato a Carlo Carrà
Nuovo allestimento per “I Percorsi dell’Arte” dedicato a Carlo Carrà
"Gli Ambulanti di Forte dei Marmi®” ad Alessandria domenica 7 aprile
"Gli Ambulanti di Forte dei Marmi®” ad Alessandria domenica 7 aprile
Incendio al passo della Bocchetta
Incendio al passo della Bocchetta