Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Alessandria

Occupazioni di corso Acqui: "no a una guerra fra poveri"

Comune, Cooperativa Coompany& e Comunità San Benedetto al Porto con un comunicato congiunto stigmatizzano l'occupazione avvenuta domenica in corso Acqui da parte di alcune famiglie e dai ragazzi della Rete per la Casa di via Piave. "Servono legalità e trasparenza, ma soprattutto non serve contrapporre famiglie in difficoltà"
ALESSANDRIA - Con un comunicato congiunto Comune, Cooperativa Coompany& e Comunità San Benedetto al Porto dichiarano preoccupazione per la scelta dei ragazzi del Laboratorio Sociale di Alessandria, insieme ad alcune famiglie in difficoltà, di occupare diversi appartamenti in fondo a Corso Acqui, di proprietà della Provincia e al centro di un progetto di recupero e assegnazione che sarebbe dovuto passare per i canali istituzionali nelle prossime settimane. Ecco qui di seguito il comunicato integrale inviato dall'assessorato alla Coesione Sociale del Comune di Alessandria.
Il Comune di Alessandria e gli operatori sociali pubblici e privati che compongono l’Osservatorio Sociale per intervenire con soluzioni concrete a favore delle famiglie che si trovano in condizioni di emergenza abitativa nei mesi scorsi hanno attivato contatti con diverse istituzioni al fine di individuare immobili da destinare alle famiglie a cui – in base alla graduatoria del Bando Comunale per l’emergenza abitativa - sia già stato riconosciuto diritto a un alloggio adeguato ma che ancora non se lo siano visti assegnare da parte dell’ente competente, l’Agenzia Territoriale per la Casa.
Una prima soluzione si è trovata con alcuni alloggi messi a disposizione dalla Diocesi in via Parma e via Ghilini, gestiti dall’associazione Opere di Giustizia e Carità. L’altra soluzione individuata che si stava formalizzando in questi giorni riguardava le tre palazzine di proprietà della Provincia in fondo a corso Acqui occupate domenica scorsa da parte del Movimento per la Casa. Palazzine che stavano per essere affidate in gestione alla Comunità di San Benedetto al Porto e alla Cooperativa Coompany& sempre per assegnarle a famiglie in graduatoria per l’emergenza abitativa e sotto il controllo e con il contributo dell’Osservatorio Sociale del Comune di Alessandria.

E’ evidente che l’occupazione di domenica blocca questo percorso e impedisce a famiglie che avevano pieno diritto a ricevere un alloggio di edilizia pubblica di ottenere una soluzione ai loro problemi.
Non si tratta quindi solo di un problema di procedure trasparenti e imparziali che individuano i nuclei familiari che per situazione di reddito e di composizione familiare risultano in maggior difficoltà sociale ed economica. Si tratta di evitare inutili e dannose guerre tra poveri e contrapporre il bisogno di una famiglia a quello di un’altra famiglia.

Le varie istituzioni che devono dare risposta ai problemi abitativi in città possono anche essere criticate per i ritardi e le difficoltà a intervenire efficacemente sul tema. Ma non si possono mettere in difficoltà o impedirgli di attuare soluzioni utili quando le mettono in atto. Non è solo un problema di legalità e trasparenza. E’ un problema di dare risposta a chi ha dei diritti legittimi e acquisiti. Non farlo danneggia solo le famiglie che hanno questo diritto e se lo vedono negato.

Mauro Cattaneo
Assessore alla Coesione Sociale del Comune di Alessandria

Renzo Sacco
Presidente della Cooperativa Coompany&

Fabio Scaltritti
Presidente dell’associazione Comunità di San Benedetto al Porto
26/05/2015
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus



Operazione dei carabinieri
Operazione dei carabinieri
Porte aperte al Marenco
Porte aperte al Marenco
Monile Viaggi: Creiamo esperienze
Monile Viaggi: Creiamo esperienze
Maurizio Landini alla Festa d'Aprile
Maurizio Landini alla Festa d'Aprile
Parco Euronovi
Parco Euronovi
Porte aperte al Marenco
Porte aperte al Marenco
Nuovo allestimento per “I Percorsi dell’Arte” dedicato a Carlo Carrà
Nuovo allestimento per “I Percorsi dell’Arte” dedicato a Carlo Carrà