Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Alessandria

Poliziotti in bicicletta, saranno più capillari e veloci

In servizio le pattuglie di polizia in bicicletta. Opereranno per servizi di controllo in particolare nel centro storico e a piazzale Berlinguer. "In previsione anche servizi coordinati con la polizia municipale". Secondo la Questura, il numero dei reati e, comunque, in calo nei primi sei mesi dell'anno
ALESSANDRIA – Sono dotate di sirena e lampeggianti, proprio come una “volante” della Polizia. Sono entrate in funzione già da qualche settimana le biciclette in dotazione degli agenti della questura, i “poliziotti di quartiere”, grazie ad un progetto nato con il contributo della Camera di Commercio di Alessandria e dalla collaborazione con la polizia municipale.
I poliziotti “velomontanti” (così si chiamano tecnicamente) copriranno l'intera giornata, su due turni, per pattugliare soprattutto le vie del centro storico.
Un'iniziativa salutata positivamente sia dai cinque agenti, che si alterneranno alla guida dei mezzi dopo aver seguito un corso di formazione, tenuto da un membro alessandrino dell'associazione Operatori Pattuglie in Bici, sia dalla cittadinanza.
“Era emersa la necessità di ricalibrare il servizio del poliziotto di quartiere, che in precedenza si spostava solo a piedi. Grazie ai due mezzi sarà possibile un intervento più veloce e, nel contempo discreto”, ha spiegato il questore Michele Morelli.
Le pattuglie velomontanti saranno utilizzate anche in servizi coordinati con la polizia municipale, dotata a sua volta di due mezzi.
“Questo progetto – ha confermato il sindaco di Alessandria Gianfranco Cuttica – è frutto della collaborazione tra le istituzione, ciascuna con le proprie competenze”. Tra i primi obiettivi da monitorare c'è piazzale Berlinguer, dove spesso agiscono parcheggiatori abusivi e che è stato teatro, recentemente, di reati predatori e aggressioni.

Su piazzale Berlinguer, il sindaco sottolinea la “svolta”: lo spazio adibito a parcheggio è infatti passato alle gestione comunale ed è pronto il progetto per l'illuminazione e la videosorveglianza.

Sul tema dei reati, il Questore Morelli sottolinea invece come questi siano in diminuzione sia nel capoluogo che in tutta la provincia. “Merito- dice, sorridendo – di una popolazione poco incline a delinquere, all'attenuarsi della crisi economica, alla minore incidenza del fenomeno migratorio. Ma anche, aggiunge, grazie ad una capillare opera di monitoraggio da parte della forze di polizia, di cui l'iniziativa dei poliziotti in bici fa parte”.
Nei primi sei mesi dell'anno, i reati risultano in calo di circa il 25%, compresi furti e rapine (-20%).
Qui la tabella con i numeri dei reati.
20/07/2018
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus



La Maddalena in video
La Maddalena in video
La Barbera Incontra 2018 - Tre giorni di Musica, spettacolo, dibattiti e divertimento
La Barbera Incontra 2018 - Tre giorni di Musica, spettacolo, dibattiti e divertimento
Incendio alle Capanne di Marcarolo: le operazioni dei Vigili del Fuoco
Incendio alle Capanne di Marcarolo: le operazioni dei Vigili del Fuoco
Maddalena, visita virtuale
Maddalena, visita virtuale
La Barbera Incontra 15-16-17 giugno 2018 San Damiano d'Asti
La Barbera Incontra 15-16-17 giugno 2018 San Damiano d'Asti
Valditerra e Caffè Gel, cena gourmet
Valditerra e Caffè Gel, cena gourmet
Focaccia novese, è record!
Focaccia novese, è record!