Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Alessandria

"Bee My Job": inclusione lavorativa e sociale anche fuori dai confini locali

E' terminato il percorso di formazione per 15 ragazzi, tra richiedenti asilo e titolari di protezione internazionale, con Bee My Job il progetto di apicoltura e agricoltura sociale ideato da Cambalache con il sostegno anche questo anno dellUNHCR Agenzia ONU per i Rifugiati. Ora iniziano i tirocini in tutta Italia, cos che l'inclusione lavorativa possa diventare una inclusione "sociale" facendo trovare a tutti la propria dimensione abitativa
 ALESSANDRIA - Sono 15 i diplomi rilasciati a richiedenti asilo e titolari di protezione internazionale originari di Mali, Gambia, Nigeria, Pakistan e Siria che hanno aderito a 'Bee My Job' progetto di apicoltura e agricoltura sociale ideato da Cambalache con il sostegno anche questo anno dell‘UNHCR – Agenzia ONU per i Rifugiati, nella figura del suo rappresentante, Massimo Gnone.

Una edizione nuova che ha cercato di ampliare l’offerta, sperimentare strade innovative, fissare nuovi traguardi nei percorsi di inclusione di rifugiati e richiedenti asilo, attraverso la formazione professionale, l'inclusione sociale e lavorativa anche fuori dai confini locali, con il reclutamento di beneficiari al di là del territorio alessandrino e piemontese, la specializzazione in tre diversi ambiti lavorativi e il potenziamento delle attività di formazione e orientamento rivolte ad altre realtà italiane nell’ottica di replicare il progetto in diversi contesti nazionali. “L’UNHCR – ha spiegato Gnone, consegnando i diplomi – sta cercando di incentivare la possibilità di inserimento lavorativo a livello nazionale, puntando ad avvicinare le persone ai luoghi dove il lavoro c’è e alle realtà che hanno necessità di personale. Cambalache, attraverso il progetto Bee My Job, è una delle associazioni con cui stiamo lavorando in modo positivo in questa direzione”.

Cuore del percorso è stata la formazione generale e di base su apicoltura e agricoltura biologica e – novità del 2019 - potatura e allevamento di animali. Grazie alla valutazione degli operatori e in base alla scelta e alle attitudini dei singoli, i beneficiari sono stati divisi in tre piccoli gruppi che hanno svolto 20 ore di formazione specifica e pratica direttamente in azienda con i docenti di riferimento: in apiario, grazie alla guida di Abdoul Sane, a sua volta formato in una delle prime edizioni di Bee My Job e ora punto di riferimento del polo alimentare che sorge al Forte Acqui di Alessandria; nell’ambito della potatura, presso l’Azienda Agricola Cascina Goretta di Michele Castelli a Cereseto Monferrato, premiata per due anni con il logo Welcome dell’UNHCR; in quello dell’allevamento animali, all’Azienda Agricola Elilu di Castelnuovo Scrivia. A questa fase faranno seguito i tirocini che si svolgeranno in diverse realtà, su più regioni e scala nazionale, con l’obiettivo di trovare il giusto abbinamento tra candidato e azienda che lo andrà ad accogliere.

Cambalache sarà anche punto di riferimento per altre realtà sul territorio italiano che dall’esperienza alessandrina possono cogliere un’opportunità di crescita, confronto e progettazione di nuovi percorsi. L’edizione 2019 prevede infatti per i prossimi mesi una serie di incontri di capacity building, condotti dai referenti del progetto, in cinque regioni della Penisola, con l’obiettivo di rendere il modello replicabile anche in contesti e ambiti diversi da quello di provenienza. Una possibilità già sperimentata lo scorso anno in Calabria ed Emilia Romagna, grazie a diversi partner, così come sul territorio locale, con altri progetti condotti da Cambalache in ambiti professionali differenziati.

Come è stato detto da Gnone "non c'è casa senza lavoro, ma non c'è nemmeno lavoro senza casa". Così oltre all'ambito lavorativo Bee My Job nel suo percorso di formazione prima e di inserimento con tirocinio dopo offre anche la possibilità a questi ragazzi di trovare una propria dimensione abitativa. "E questo grazie al mondo agricolo, ad esempio, che si è messo a disposizione e "che spesso tiene i tirocinanti facendoli integrare e decidendo di mantenere quelle professionalità nella propria azienda".
6/04/2019
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus



Operazione dei carabinieri
Operazione dei carabinieri
Porte aperte al Marenco
Porte aperte al Marenco
Monile Viaggi: Creiamo esperienze
Monile Viaggi: Creiamo esperienze
Maurizio Landini alla Festa d'Aprile
Maurizio Landini alla Festa d'Aprile
Parco Euronovi
Parco Euronovi
Porte aperte al Marenco
Porte aperte al Marenco
Nuovo allestimento per “I Percorsi dell’Arte” dedicato a Carlo Carrà
Nuovo allestimento per “I Percorsi dell’Arte” dedicato a Carlo Carrà