Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Alessandria

Imu e Tasi: 50 euro di riduzione per un centinaio di alessandrini

A beneficiare di una piccola riduzione saranno un centinaio di nuclei famigliari, coloro che hanno denunciato i danni arrecati dagli eventi alluvionali di questo anno. Abonante: "si tratta di piccole somme, circa 50 euro a persona, ma è un altro segnale che si aggiunge a quello fatto sulla Tari". Minor gettito quindi per il comune di 2500 euro per Imu e altri 2500 per Tasi
 ALESSANDRIA - Uno 0,3 per mille in più che porta la riduzione di Imu e Tasi - per coloro che hanno denunciato e ai quali è stato riconosciuto il “danno” per eventi alluvionali, o esondazioni di rii – ad un meno 1,3 per mille. A beneficiare quindi di piccole somme di “sconto” saranno quindi coloro che hanno denunciato i danni subiti: si tratta di un centinaio di alessandrini. “La riduzione sarà di circa 50 euro a nucleo famigliare che porta infatti ad un minor gettito complessivo per il Comune pari a 5000 mila euro, 2500 per Tasi e 2500 per Imu” ha spiegato in commissione Bilancio e Affari Istituzionali l'assessore Giorgio Abonante. “Si tratta di piccole somme- lo so – ma che insieme alle riduzioni Tari (spazzatura) danno un segnale alla città. Questo è stato tutto quello che si è potuto fare”. Resta invece tutto invariato per gli altri possessori di immobili: restano quindi come lo scorso anno le tariffe per coloro che abitano in zone “a rischio” come Spinetta o Castelceriolo per la presenza della ex discarica e tali e quali al 2014 restano anche le agevolazioni per “padre-figlio” e viceversa che abitano “ad uso gratuito” la casa e che rientrano in una certa fascia di reddito.

“La discussione deve essere come arrivare a fare abbassare la pressione tributaria – interviene il presidente di minoranza Piercarlo Fabbio – che tra il 2013 e il 2014 ha visto un aumento pro-capite di circa 52 euro, con un più 9%. Non sono questi 5000 euro oggi a cambiare il 'peso' sui cittadini”. “No infatti – risponde l'assessore al Bilancio – queste sono briciole. Ma bisogna lavorare proprio in questi anni al fine di arrivare al 2018, quando Alessandria sarà fuori dalle limitazioni della normativa sul dissesto, con una vera e significativa riduzione delle tasse per i cittadini”. La commissione per una questione di “metodo” ha chiesto il parere dei Revisori dei Conti (visto il minor gettito e quindi le minori entrate per Palazzo Rosso) prima del passaggio di oggi del Regolamento Imu e Tasi in Consiglio comunale. “Con queste cifre, così esigue, il parere è solo per dovere di forma e non per sostanza, perchè sappiamo già che non potrà che essere favorevole” hanno spiegato in coro dai banchi della minoranza. La commissione ha fatto passare il provvedimento con il voto favorevole dei commissari di maggioranza e del consigliere 5 Stelle, mentre ad astenersi il fronte Pdl e il presidente della Bilancio, Barosini (Area Popolare).

Così se ancora non si ha un quadro di quello che potrà essere l'introito per Palazzo Rosso sul 2015, quelle certe sono le somme entrate nelle casse del Comune nel 2014: Incassati circa 7 milioni per la Tasi e altri 20 per l'Imu 2014.
20/05/2015
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus



Operazione dei carabinieri
Operazione dei carabinieri
Porte aperte al Marenco
Porte aperte al Marenco
Parco Euronovi
Parco Euronovi
Porte aperte al Marenco
Porte aperte al Marenco
Nuovo allestimento per “I Percorsi dell’Arte” dedicato a Carlo Carrà
Nuovo allestimento per “I Percorsi dell’Arte” dedicato a Carlo Carrà
"Gli Ambulanti di Forte dei Marmi®” ad Alessandria domenica 7 aprile
"Gli Ambulanti di Forte dei Marmi®” ad Alessandria domenica 7 aprile
Incendio al passo della Bocchetta
Incendio al passo della Bocchetta