Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Alessandria

L'insopportabile 'roulette russa' di Spalto Borgoglio

I residenti lamentano continui e ripetuti atti vandalici alle auto in sosta, con vetri rotti durante la notte, senza che poi dalle vetture venga sottratto nulla. Gli ultimi episodi martedì, con due auto colpite, una delle quali danneggiata nuovamente a distanza di appena 20 giorni dal precedente episodio
ALESSANDRIA -  "Basta farsi una passeggiata controllando vicino e sotto alle auto in sosta, partendo da davanti al Liceo Scientifico e proseguendo per Spalto Borgoglio fino alla rotonda: noterete quasi ogni metro il luccichio di frammenti di vetro, resti di qualche rottura. Provare per credere".

E' questo l'invito dei residenti, esasperati da un fenomeno vandalico che sembra inarrestabile. In effetti per chi vive in quella zona e la sera deve parcheggiare la propria auto sembra non esserci scampo. "E' una vera roulette russa - si sfoga qualcuno - perché anche se si sa che c'è una certa probabilità di trovarsi il vetro sfondato al mattino, non ci sono altri posti dove parcheggiare. Gli stalli lungo Spalto Borgoglio, dal Liceo Scientifico al Nervi, sono decine, e sempre pieni di auto. Gira e rigira è normale per chi abita in zona dover parcheggiare lì". Il problema però è ciò che succede durante la notte...

In effetti i segni di vetri rotti sono dappertutto: c'è chi è stato colpito addirittura due volte negli ultimi 20 giorni, un obolo davvero troppo grande da pagare, senza una ragione. "La cosa che forse fa ancor più arrabbiare è che poi dalle auto non manca nulla. A volte si trova il vano del cruscotto aperto, con il contenuto sparpagliato sul sedile, altre volte invece è tutto in ordine, tranne per il danno del vetro in frantumi. Sta di fatto che non viene sottratto nulla dalle auto, si tratta perlopiù di un gioco, un atto vandalico che sembra veramente fine a se stesso, compiuto da chi sa che può fare quel che vuole e che resterà impunito, tanto da tornare a colpire senza paura anche il giorno seguente, e quello dopo ancora...". 

La modalità dei teppisti è sempre la stessa, con la rottura del vetro anteriore lato passeggero.
Impossibile tenere un conto preciso del numero di casi negli ultimi mesi, anche perché non tutti fanno poi denuncia.
"Di solito viene da noi chi è assicurato - spiegano dalla Questura - mentre in altri casi le persone preferiscono portare semplicemente l'auto a riparare, ritenendo che non valga la pena investire tempo nella denuncia". 

In occasione degli ultimi episodi di martedì sera (colpite una Renault Clio e una Lancia Ypsilon) una volante della Polizia è intervenuta sul posto, ma solamente per constatare il danno avvenuto. Gli episodi avvengono di notte e per i residenti il risveglio è sempre con il fiato sospeso, almeno finché non si verifica se la propria auto ha subito danneggiamenti o è stata risparmiata.

"Fino a quando questa situazione continuerà lasciando impuniti i responsabili?"
è l'appello finale dei residenti, che invocano un controllo sistematico delle Forze dell'Ordine, o minacciano di organizzare autonomamente delle ronde per cercare di "beccare chi si diverte così con le nostre auto, da mesi, restando impunito". 
 
23/06/2016
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus



Operazione dei carabinieri
Operazione dei carabinieri
Porte aperte al Marenco
Porte aperte al Marenco
Parco Euronovi
Parco Euronovi
Porte aperte al Marenco
Porte aperte al Marenco
Nuovo allestimento per “I Percorsi dell’Arte” dedicato a Carlo Carrà
Nuovo allestimento per “I Percorsi dell’Arte” dedicato a Carlo Carrà
"Gli Ambulanti di Forte dei Marmi®” ad Alessandria domenica 7 aprile
"Gli Ambulanti di Forte dei Marmi®” ad Alessandria domenica 7 aprile
Incendio al passo della Bocchetta
Incendio al passo della Bocchetta