Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Alessandria

Polizia Municipale: 65 candidati. Ma fino a dicembre, restano alcune criticità

La commissione Sicurezza di Palazzo Rosso ha visto il confronto sul tema "personale" del corpo di Polizia Municipale con l'assessore Formaiano e il comandante Bassani. "Serve fare scelte politiche" sono state le parole di Marica Barrera dai banchi di minoranza "che per un anno e mezzo si sono rivolte ad altre assunzioni, anziché ad agenti". Preoccupazione a 360° anche dal M5S: "carenza di personale del Comune in diversi settori". Intanto è pronto il presidio (ex acquedotto) ai giardini della stazione
 ALESSANDRIA - Sono state 83 in tutto le domande arrivate per il concorso da “Agente di Polizia Municipale” con 65 candidature accettate perché in possesso di tutti i requisiti. Uno di questi era l'età: fino ai 32 anni. Perché oltre alle problematiche di mancanza di organico, con oggi 72 unità anziché le 100 necessarie ovvero il 28% in meno e sotto di quasi 50 unità per legge in materia di “sicurezza”, c'è anche quella anagrafica. “L'età media è di 54 anni. Qualche agente sotto la quarantina e nemmeno uno sotto i 30 anni” sono state le parole del comandante vicario, Alberto Bassani in commissione consiliare sicurezza. Che insieme al numero residuo di personale e alla carenza di vice ispettori ha portato a proclamare lo stato di agitazione del corpo dei vigili, soprattutto per le difficoltà di copertura del turno delle notti (trovando poi l'accordo con l'amministrazione per mantenerne solo tre quelle del fine settimana, ndr).

E ora si che ci saranno i due nuovi ingressi, “da dicembre visti i tempi tecnici del concorso regionale”, ma il problema resta, considerando i pensionamenti e quota 100 (che influisce per un buon 50%). Un problema che non è limitato al corpo di Polizia Municipale, ma a tutti i dipendenti di Palazzo Rosso. “Con il rischio che tra 10 anni con la metà dei dipendenti in meno non si riescano più a dare i servizi alla città” ha enfatizzato Michelangelo Serra del M5S. Che ha chiesto di “affrontare il problema a 360°, lavorando sul lungo periodo e magari ragionando della sostituzione 1 a 1 per chi va in pensione con quei ragazzi giovani che si stanno già formando, ad esempio del servizio civile”.
Un problema che “doveva essere affrontato un anno e mezzo fa” per il consigliere Marica Barrera e che invece è rimasto fermo, pur facendo altre assunzioni interne a tempo determinato a discapito del corpo della Municipale. “Magari con quelle quote si sarebbero potuti prendere subito 3 o 4 vigili che era più urgente e necessario”. E queste per il capogruppo di minoranza della Lista Rossa, “sono scelte politiche” di cui l'amministrazione si deve assumere la responsabilità.

“Scelte politiche, come quelle già fatte” è stata la risposta dell'assessore al personale, Monica Formaiano. “Con noi si è aperto un dialogo con i sindacati e con la Municipale che lamentava criticità radicate nel tempo”. Per l'assessore “è una situazione che ci siamo ritrovati, che abbiamo ereditato”, aggiungendo a commento le “scelte fatte dalla precedente amministrazione: “ci criticate di non aver ancora assunto due agenti, quando voi avete consentito il distacco ad altri enti di 8 agenti nel 2015. Anche queste sono state scelte, ma vostre. Che noi oggi subiamo”. Una “responsabilità” degli ex anche per il capogruppo della Lega Evaldo Pavanello: “voi avete fatto scappare 30 vigili, con la vostra scelta di dichiarare il dissesto. Ora l'amministrazione sta facendo i salti mortali per riparare una situazione che ha ereditato”.

Nonostante le difficoltà di personale, “si apre una sede ai giardini della stazione però”. I lavori di sistemazione dell'ex acquedotto, dove prima c'era la Fiab, sono terminati e c'è già anche l'insegna di “presidio” della Polizia municipale. “Ci è stata chiesta una maggiore attenzione in quella zona”. Si appoggeranno a quella sede le due unità bike patrol, agenti in bicicletta, l'unità cinofila e gli ispettori ambientali, che dal 1 aprile sono diventati tre, con la presa del servizio delle due nuove unità assunte da Amag Ambiente. “Non sono stati distolti da altre attività – ha spiegato Bassani – ma saranno in quella sede quando sono di turno”.

Una commissione convocata non solo per l'aspetto “numerico” del personale. Ma anche per trattare di “sicurezza”. “Ma senza la presenza del sindaco non è possibile. Chiederemo una nuova convocazione in base agli impegni del primo cittadino, quando sarà disponibile a venire in commissione” sono state le voci in coro della minoranza.
3/04/2019
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus



Operazione dei carabinieri
Operazione dei carabinieri
Porte aperte al Marenco
Porte aperte al Marenco
Monile Viaggi: Creiamo esperienze
Monile Viaggi: Creiamo esperienze
Maurizio Landini alla Festa d'Aprile
Maurizio Landini alla Festa d'Aprile
Parco Euronovi
Parco Euronovi
Porte aperte al Marenco
Porte aperte al Marenco
Nuovo allestimento per “I Percorsi dell’Arte” dedicato a Carlo Carrà
Nuovo allestimento per “I Percorsi dell’Arte” dedicato a Carlo Carrà