Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Alessandria

Rendiconto 2017: diminuiscono i debiti, aumentano i crediti. “Ancora difficoltà a riscuotere”

In commissione bilancio è stato presentato il Rendiconto 2017. Assessore Lumiera: “Crediti che aumentano rispetto al 2016 perché c'è ancora grossa difficoltà a riscuotere. Questa è la sfida di questa amministrazione”. I debiti scendono di qualche milione, “perché in effetti stiamo pagando i fornitori e abbiamo chiuso partite importanti come il Cissaca”. Questo porta a “minore liquidità in cassa, ovviamente”
 ALESSANDRIA - Sarà il Consiglio comunale del 18 maggio a dover mettere “la firma” sul rendiconto 2017 della giunta di Cuttica di Revigliasco. Un bilancio consuntivo che è stato presentato dall'assessore Cinzia Lumiera in commissione che ha aperto i lavori con la soddisfazione “per il lavoro di pulizia dei residui attivi e passivi, che hanno permesso finalmente di avere una fotografia chiara, reale e aggiornata sullo stato economico finanziario dell'Ente”.

A grandi linee il 2017 chiude con un utile di 6 milioni 400 mila euro, rispetto ai 7 milioni di perdite del 2016 che faceva i conti con con l'Osl e con molti più accantonamenti fondi di dubbia esigibilità. Lo stato patrimoniale di Palazzo Rosso vede una diminuzione dei debiti e un aumento dei crediti: 121 milioni di euro di crediti rispetto ai 103 milioni del 2016. “C'è ancora una grossa difficoltà a riscuotere – ammette l'assessore Cinzia Lumiera – Ed è questa la battaglia di questa amministrazione”. Così sono già partite alcune azioni in questo senso: “il lavoro che sta portando avanti lo studio Delfino per studiare la situazione e trovare le modalità di migliore recupero crediti. Mentre ora stiamo attivando una collaborazione con uno studio di Milano per valutare quali siano quelli che si possono portare subito a casa”. L'assessore si è detta soddisfatta anche della scelta di affidamento riscossione della Tari (spazzatura) alla Agenzia delle Entrate, “perché il personale comunale liberato si è dedicato alle cartelle per il pregresso ancora non riscosso”. Stessa cosa che vale per Ica.

E i debiti? “Questi sono scesi da 276 milioni del 2016 a 272 milioni per il 2017 perché in effetti stiamo pagando!” sono le parole della Lumiera. Che ha ricordato le partite chiuse dalla amministrazione di Cuttica, “come quella del Cissaca” con cui “ci si sta impegnando a saldare le quote che dobbiamo nei tempi corretti, quello che non si riusciva a fare in passato per via della condizione di dissesto”. Anche i fornitori vengono pagati: “il 68% con una media di 77 giorni per il pagamento”. Questa fuoriuscita di risorse significa però conseguentemente “minore liquidità di cassa”. Tant'è che i 18 milioni a fondo cassa di gennaio 2017, a fine anno sono tornati a zero. “Fare pagamenti, saldare fornitori e debiti significa sacrificare la cassa”.

“Comunque l'avanzo di amministrazione c'è”. Come confermato anche dal Collegio dei Revisori dei Conti che su questo Rendiconto 2017 hanno dato all'unanimità parere favorevole. Un avanzo di 29 milioni di euro a cui si devono “disapplicare” come richiede la contabilità 46 milioni del 2011, ovvero del periodo del dissesto. Si tratta di una somma che va sempre riportata nella contabilità, ma che non pesa sul bilancio, sull'effettivo avanzo di amministrazione che chiude a 75 milioni: 61 più 13 vincolati.

Per i Revisori l'equilibrio tra spese e entrate “reale”, che rappresenta la vera economicità del Comune è sui 110 milioni, “che poi viene gonfiato da partite di giro con portano ad altri numeri”. Nella relazione dell'organo di revisione vengono messi in evidenza la “crescita di indebitamento per mutui (passata da 300 mila euro del 2016 a oltre 2 milioni) che è dovuta ai maggiori investimenti”. Sono aumentate tutte quelle azioni che erano state “sospese” nel periodo del dissesto, come la manutenzione strade che ha ripreso ad investire risorse. L'occhio è puntato anche da parte del Collegio sulle difficoltà a riscuotere il pregresso: “bisogna andare a recuperare il più possibile”.

Soprattutto in vista dei prossimi anni, a partire dal 2018, dove è lo stesso assessore Lumiera a ricordare che bisognerà affrontare “situazioni gravi” che peseranno sul bilancio come Svial e Valorial, Aral, Atm....Tutte partite ancora aperte. Oltre a quelle non ancora concluse, perché non hanno accettato la transazione proposta dall'Organismo Straordinario di Liquidazione che hanno un peso di circa 3 milioni di euro (verso terzi, non partecipate del Comune) e di 4 milioni con il Consorzio di Bacino.
11/05/2018
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus



Un'associazione per Simone Dispensa
Un'associazione per Simone Dispensa
Di corsa per Pernigotti e Iperdì
Di corsa per Pernigotti e Iperdì
Sabbione presenta il Ventotto
Sabbione presenta il Ventotto
Incendio alla Merella
Incendio alla Merella
Pernigotti, Natale con il vescovo
Pernigotti, Natale con il vescovo
Antonio Albanese il prossimo 13 dicembre 2018 al Palatenda Alegas con "Personaggi"
Antonio Albanese il prossimo 13 dicembre 2018 al Palatenda Alegas con "Personaggi"