Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Alessandria

“Uscire dall'isolamento ferroviario”: si va verso un documento unitario da presentare il 27 dicembre?

La “polemica” scoppia a livello politico, sebbene si tenti di portare avanti una battaglia “tutti insieme” sulla questione di Alessandria e del rischio di essere tagliata fuori dal trasporto su ferro. Possibilità quindi che Alessandria presenti un documento condiviso da tutte le forze politiche- di maggioranza e minoranza – da presentare a consiglieri e rappresentanti di Asti in un Consiglio comunale convocato prima di fine anno
 ALESSANDRIA - L'attenzione sulla questione “ferroviaria” che lega Alessandria al resto del Nord Italia e non solo è stata posta dalla minoranza. Da una mozione – molto tecnica – del Partito Democratico a firma di Giorgio Abonante e ad altri gruppi come i Moderati. Ma quando il tema è arrivato in commissione solo pochi giorni fa, alla presenza dell'Agenzia per la Mobilità piemontese, l'approccio della giunta – nella figura del vicesindaco – è stata tutt'altra cosa. Facendo infuriare Abonante.

La mozione per “uscire dall'isolamento ferroviario” dell'opposizione che proponeva una seduta e una interlocuzione con il comune di Asti è stata affrontata in Consiglio comunale martedì 18 dicembre. E' passata? Ni. Da parte dell'amministrazione comunale e con il sostegno della maggioranza, è stato chiesto di “ritirarla” così da creare “un documento unitario” che riporti la firma cioè di tutti i gruppi politici a sostegno di questa battaglia. Un indirizzo del Consiglio comunale tutto. Per avere un po' tutti il merito. “Forse però ci si aspettava – vista la richiesta – che arrivaste già con una controproposta o con degli emendamenti per modificare e migliorare il testo della mozione già esistente” ha ribattuto Diego Malagrino dei Moderati.

Questo perché nel frattempo la presidenza del Consiglio si è messa in moto contattando non solo il Comune di Asti, ma coinvolgendo sia la Provincia di Asti che quella di Alessandria, per arrivare ad un incontro/assemblea unificata tra enti prima della fine dell'anno. “In realtà non si può per Regolamento comunale, non ci sono i tempi. Ma stiamo cercando di convocare un Consiglio comunale tematico, ad Alessandria, per il 27 dicembre, invitando anche i rappresentanti politici di Asti (consiglieri e amministrazione). Non sarà ovviamente un documento votato in contemporanea, ma si potrà iniziare da qui e poi anche l'altro Ente lo farà in un secondo tempo” ha chiarito il percorso il presidente Emanuele Locci.

Dopo quindi lo “scontro politico” locale, la strada che è stata scelta e condivisa anche dalla minoranza è quella di una “commissione da convocare il prima possibile, al massimo il 27 stesso, per mettere nero su bianco una proposta e delle considerazioni condivise sul tema ferroviario”. Documento da cui partire per un confronto e anche in questo caso una condivisione con Asti.

Sempre che la "bagarre" politica non prenda il sopravvento...come accade spesso. 
20/12/2018
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus



Operazione dei carabinieri
Operazione dei carabinieri
Porte aperte al Marenco
Porte aperte al Marenco
Parco Euronovi
Parco Euronovi
Porte aperte al Marenco
Porte aperte al Marenco
Nuovo allestimento per “I Percorsi dell’Arte” dedicato a Carlo Carrà
Nuovo allestimento per “I Percorsi dell’Arte” dedicato a Carlo Carrà
"Gli Ambulanti di Forte dei Marmi®” ad Alessandria domenica 7 aprile
"Gli Ambulanti di Forte dei Marmi®” ad Alessandria domenica 7 aprile
Incendio al passo della Bocchetta
Incendio al passo della Bocchetta