Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Alessandria

Tassa rifiuti: sconti per commercianti, single e coppie

Approvato in commissione il piano tariffario 2016-2018: in attesa della ratifica in Consiglio comunale ecco le scelte della Giunta in accordo con Amag Ambiente. La minoranza resta però critica sull'attendibilità dei dati programmatici inseriti nel documento
ALESSANDRIA - Mentre la maggioranza a Palazzo Rosso continua a lavorare all'unificazione della filiera dei rifiuti, con Amag Ambiente che in prospettiva dovrebbe occuparsi anche dello smaltimento dei rifiuti (operazione ora di competenza di Aral), è stato presentato ieri in commissione il nuovo piano tariffario che sta per entrare in vigore in città.

Dopo anni nei quali agli alessandrini è stato chiesto di tirare la cinghia, la maggioranza, per voce dell'assessore al bilancio Giorgio Abonante, annuncia una riduzione delle tariffe, rafforzando i primi timidi tagli avvenuti già lo scorso anno. 

Il gettito previsto dal consorzio di smaltimento rifiuti si attesta sui 18 milioni e 900 mila euro. "Quest'anno la riduzione delle tariffe sarà intorno al 4,5-4,7% - spiega Abonante - ma mentre nel 2015 la scelta è stata quella di distribuire i tagli (che erano stati del 3,3%) in maniera lineare su tutti, quest'anno si è preferito agevolare alcune categorie particolari, che beneficeranno dei risparmi". 

Nello specifico la scelta della maggioranza è stata quella di agevolare i nuclei monofamiliari e bifamiliari (questi ultimi con un risparmio atteso di circa il 6%), mentre il taglio per le tariffe non domestiche sarà ancor più cospicuo, intorno all'8-9%, e riguarderà diverse categorie di commercianti, che hanno dovuto subire una tassazione particolarmente alta negli anni passati (fra di esse edicole, cinematografi, botteghe artigiane, parrucchieri, estetisti, negozi di orto-frutta, pescherie, autofficine ed autosaloni, farmacie ndr). 
Per una bolletta di utenza privata TARI di 300 euro annuali il risparmio potrebbe essere di 20-22 euro, mentre per attività commerciali che arrivano a pagare 700-800 euro in un anno la somma risparmiata potrebbe raggiungere i 100 euro. 

Sulla scelta di privilegiare le famiglie composte da una o due persone la minoranza ha espresso una certa perplessità, come spiegato dal consigliere Emaniele Locci (Fratelli d'Italia): "è evidente che si tratti di una scelta politica della Giunta, ma sembra quasi che voglia penalizzare le famiglie più numerose, disincentivandole".

L'assessore Abonante ha però replicato, spiegando la ratio impiegata nella selezione delle categorie: "la famiglie più numerose in difficoltà economiche possono ricorrere più spesso alle agevolazioni previste dalla certificazione ISEE. Sappiamo quanto Alessandria sia una città di persone anziane o di piccoli nuclei familiari, composti da due persone. Scegliendo di concentrare lì i tagli per le utenze domestiche possiamo coprire una porzione più ampia di beneficiari, garantendo un sopporto maggiore laddove potrebbero esserci più difficoltà a pagare le tariffe e meno strumenti per ottenere altre agevolazioni". 

A rendere possibili questi tagli ci sarà un efficientamento del sistema di raccolta dei rifiuti, oltre a godere di un risparmio già accumulato l'anno scorso, con un "tesoretto" di circa 450 mila euro che ora verrà redistribuito agli abitanti tramite la riduzione delle tariffe. 
Sempre da diversi consiglieri di minoranza (sia di area Pdl che M5S) sono però giunte perplessità sulle stime fatte nel documento programmatico in merito alle voci di raccolta rifiuti per i prossimi anni: "ci sono capitoli che raddoppiano le quantità stimate in futuro rispetto a quelle registrate fino ad ora - attacca il consigliere Fabbio - non si capisce però secondo quali formule siano stati conteggiati questi incrementi. Sembra quasi che l'obiettivo fosse quello di raggiungere la soglia del 65% di raccolta differenzata e per farlo si siano costruite sulla carta cifre ad hoc che consentissero di arrivare a questa stima totale. In generale sembra un percorso un po' troppo ripido, e difficile da rispettare. E' davvero difficile pensare che si possa passare in breve tempo dal 42% di differenziata al 51% - in un solo anno - e poi al 62 e al 65%. Senza contare l'obiettivo di toccare quota 70% nel 2020".

Su questo aspetto gli interventi dei consiglieri di maggioranza, e dello stesso assessore Abonante, hanno però provato a spiegare perché le cifre inserire da Amag Ambiente potrebbero invece essere effettivamente rispettate: "darsi obiettivi ambiziosi è sicuramente importante e un bel segnale. Anche nel recente passato si sono raggiunti risultati che era difficile immaginare si sarebbero ottenuti. La raccolta sta migliorando, con un servizio qualitativo maggiore, mentre i costi si stanno riducendo. In realtà alcune stime sono legate a piani specifici legati a certe tipologie di raccolta che saranno molte incentivate, come quelle inerenti ai rifiuti ingombranti, che oggi finiscono in buona parte in discariche abusive o ai lati delle strade meno battute, o alla raccolta dei capi di abbigliamento, per la quale c'è in previsione un piano specifico di recupero". 
 
"Appena il consiglio comunale approverà il nuovo piano tariffario gli uffici partiranno con la tariffazione - annuncia l'assessore Abonante - ed è plausibile pensare che la prima bolletta dovrà essere pagata dai cittadini verso fine aprile. Chiaramente sarà importante approvare il piano il prima possibile così da dare più tempo agli alessandrini di organizzarsi per il pagamento". 
31/03/2016
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus



Operazione dei carabinieri
Operazione dei carabinieri
Porte aperte al Marenco
Porte aperte al Marenco
Maurizio Landini alla Festa d'Aprile
Maurizio Landini alla Festa d'Aprile
Parco Euronovi
Parco Euronovi
Porte aperte al Marenco
Porte aperte al Marenco
Nuovo allestimento per “I Percorsi dell’Arte” dedicato a Carlo Carrà
Nuovo allestimento per “I Percorsi dell’Arte” dedicato a Carlo Carrà
"Gli Ambulanti di Forte dei Marmi®” ad Alessandria domenica 7 aprile
"Gli Ambulanti di Forte dei Marmi®” ad Alessandria domenica 7 aprile