Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Informazione commerciale

È La Pantera che ti controlla

Trent’anni di esperienza nel settore della vigilanza privata: La Pantera offre un servizio di vigilanza e controllo di qualità su tutto il territorio provinciale. E’ La Pantera che gira per le strade della città a garantire la sicurezza di tutti
INFORMAZIONE COMMERCIALE - Oggi più che in passato al centro dell’attenzione c’è il tema della sicurezza, che non interessa solo più le grandi città, ma anche i piccoli centri abitati e le aree commerciali. Sul territorio della provincia di Alessandria un marchio storico, che opera nel settore della vigilanza privata da trent’anni è La Pantera (oltre alla presenza anche a Savona e Genova).
Sono circa 40 le guardie giurate che garantiscono il controllo e la protezione sia di esercizi commerciali e privati, ma anche di cascinali, garage e condomini in provincia. Un lavoro che è cresciuto nel tempo, con una sempre maggiore “specializzazione” nel settore: “negli ultimi anni si è avuto un peggioramento della situazione anche sul nostro territorio – spiega il titolare della sede alessandrina de La Pantera, Giampaolo Danilo – come dimostra il centinaio di interventi in un mese del nostro personale”.
Ormai anche in questo settore se di fondamentale importanza resta la professionalità e l’esperienza del personale, dall’altro una grande mano viene data dall’evoluzione continua degli strumenti tecnologici che si utilizzano. Uno dei campi verso cui ci si sta sempre più orientando è quello della videosorveglianza e dei sistemi di allarme, “che ci fa vedere in diretta quello che sta succedendo, permettendo così al personale di intervenire immediatamente”. In questo caso infatti tutta l’apparecchiatura è collegata ad una “sala regia”, ovvero ad una controll room operativa 24 ore su 24 per 7 giorni su 7 che permette un contatto diretto con i clienti.
Altro storico e immancabile servizio è quello della “ronda notturna”: una volta si diceva “sono le 7 e tutto va bene”. Oggi spesso la frenesia del quotidiano porta a maggiore disattenzione: ci sono spesso casi di serrande sei negozi rimaste aperte, o con chiavi lasciate nelle serrature. Anche in questi casi, è La Pantera a pensare al controllo, alla sicurezza e all’intervento.
Insomma gli uomini “pantera” sono gli ausiliari della pubblica sicurezza che in collaborazione con le Forze dell’Ordine garantiscono alla cittadinanza maggiore tranquillità. “L’evoluzione futura delle figure di vigilanza privata va sempre più verso la figura del ‘poliziotto’, come già avviene in America, dove il controllo e la sicurezza sono sempre più ‘private’”. Quando si parla di privato, non si può prescindere dai costi: ma anche in questo caso l’obiettivo è quello di creare una sicurezza sempre più “collettiva”, verrebbe da dire “di quartiere”, Come spiega il titolare “l’obiettivo è teso alla ricerca di sicurezza da dare alla collettività, più che al singolo. Con una concreta e reale riduzione anche dei costi”. Se si pensa alle vie del centro di una città, se tutti i negozi si unissero in un sistema di sorveglianza “unitario”, per il singolo esercizio il costo sarebbe minore, ma con una sempre efficace e continua garanzia di controllo. Anche perché il controllo, specie nelle ore di chiusura delle attività, significa anche e soprattutto prevenzione (ad esempio di atti di vandalismo a danno dei negozi). Insomma un servizio concentrato a zone, che risponda alle esigenze della collettività, sempre e solo con una parola d’ordine: sicurezza e qualità. Per maggiori informazioni www.lapantera.it. 
15/05/2014
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus



I ragazzi di Pozzolo contro il bullismo
I ragazzi di Pozzolo contro il bullismo
Il gioiello di Cerreto
Il gioiello di Cerreto
La notte del Classico
La notte del Classico
Il calendario della PasTas
Il calendario della PasTas
Gavazza, 65 anni di lavoro
Gavazza, 65 anni di lavoro
Bike Passion
Bike Passion
Villalvernia ricorda le bombe
Villalvernia ricorda le bombe