Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Serravalle Scrivia

Il mercato immobiliare? "Tiene"

Parla Pasquale Vecchi, vicesindaco e imprenditore edile: "In un contesto generale disastroso, dove la crisi si fa sentire in particolar modo, tutto sommato Serravalle sta reagendo piuttosto bene, in paese non c’è niente di invenduto, anche grazie ai prezzi competitivi, decisamente inferiori, a esempio, a Ovada e Novi Ligure".
SERRAVALLE SCRIVIA - La relazione annuale della Fiaip (Federazione italiana agenti immobiliari) relativa al 2013 ha evidenziato la tendenza negativa che ha caratterizzato il mercato immobiliare durante l’anno scorso. Calo del volume delle compravendite, crollo del potere d'acquisto dei giovani (e non solo), un mercato pressoché “immobile”, insomma. Ma com’è la situazione a Serravalle Scrivia?

Lo spiega Pasquale Vecchi [in foto], vicesindaco di Serravalle e noto imprenditore edile: "In un contesto generale disastroso per il mercato immobiliare, dove la crisi si fa sentire in particolar modo, tutto sommato Serravalle sta reagendo piuttosto bene, considerando un fattore fondamentale: in paese non c’è niente di invenduto, anche grazie ai prezzi competitivi, decisamente inferiori, a esempio, a Ovada e Novi Ligure".

Vecchi divide il paese in aree con differenti tipologie di abitazioni, più o meno gettonate tra i potenziali acquirenti: il centro storico, che sta subendo una notevole riqualificazione, complice un’amministrazione che favorisce l’apertura di nuove attività commerciali e non solo, Ca’ del Sole, la zona più in espansione negli ultimi anni, grazie alla vicinanza con la zona commerciale di Outlet, Centro Commerciale Serravalle e Retail Park, e i cosiddetti “palazzoni”, quegli edifici enormi rispetto alle altre abitazioni (tra viale Martiri e via Berthoud) che stanno decisamente perdendo colpi sul mercato immobiliare.

“Nonostante un patto di stabilità sempre più rigido la nostra amministrazione cerca di favorire la ristrutturazione degli edifici preesistenti e la nascita di nuove attività, che possano attirare possibili compratori in tutti i settori del nostro paese”, ha sottolineato Vecchi. Ed è proprio sulla ristrutturazione che, a parer comune tra gli esperti del settore, bisogna puntare: l’associazione nazionale costruttori edili (Ance) l’ha sottolineato più volte, e ha confermato la propria linea d’azione con il protocollo “Ristruttura”, che prevede una serie di consulenze e servizi bancari agevolati per chi vuole ristrutturare il proprio immobile. I dati sulle riqualificazioni degli immobili sono confortanti: si è registrato un aumento degli interventi del 106 per cento, grazie anche alle agevolazioni fiscali e al “programma casa” della Regione.

 
25/03/2014
Arianna Borgoglio - a.borgoglio@ilnovese.info
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus



I ragazzi di Pozzolo contro il bullismo
I ragazzi di Pozzolo contro il bullismo
Il gioiello di Cerreto
Il gioiello di Cerreto
La notte del Classico
La notte del Classico
Il calendario della PasTas
Il calendario della PasTas
Gavazza, 65 anni di lavoro
Gavazza, 65 anni di lavoro
Bike Passion
Bike Passion
Villalvernia ricorda le bombe
Villalvernia ricorda le bombe