Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Casale Monferrato

Eternit Bis: la Cassazione rigetta il ricorso. Confermato anche il "declassamento" del reato

La Cassazione ha dichiarato inammissibili i ricorsi contro lo spacchettamento dei processi per la morte di 258 persone a causa dell'amianto Eternit. I processi rimangono quindi incardinati a Torino, Vercelli, Napoli e Reggio Emilia. Confermato anche il "declassamento" dell' accusa da omicidio doloso in omicidio colposo
 CASALE MONFERRATO - La Cassazione ha dichiarato inammissibili i ricorsi della Procura Generale e del Pubblico Ministero di Torino contro lo spacchettamento dei processi per la morte di 258 persone a causa dell'amianto Eternit. I processi rimangono quindi incardinati a Torino, Vercelli, Napoli e Reggio Emilia. Confermato anche il "declassamento" dell' accusa da omicidio doloso in omicidio colposo.

Questa è la sentenza pronunciata questa mattina dalla Corte di Cassazione, che ha ribadito cioè che era già stato sostenuto nella giornata di ieri, mercoledì 13 dicembre, dal procuratore generale della Cassazione, Delia Cardia, Ovvero l'inammissibilità del ricorso. Oggi confermato dai giudici.

"Siamo soddisfatti. Avevamo eccepito l'inammissibilità dei ricorsi e la Corte ha deciso in questa direzione" ha commentato il professor Astolfo Di Amato, avvocato difensore di Stephan Schmidheiny, ex Ad di Eternit Italia, nel processo Eternit bis. "C'erano dei vizi formali" ha sempre sostenuto.

Di diverso parere l'avvocato Massimiliano Gabrielli, dell'Anmil, che parla di "ennesimo regalo a Schmidheiny". "Quando una organizzazione imprenditoriale continua consapevolmente a far soldi sulla pelle della gente - ha sostenuto - bisogna parlare di omicidi volontari, senza se e senza ma..."

Quindi la situazione rimane quella che aveva disposto il gup Bompieri: il caso Eternit Bis viene frazionato in quattro filoni in base alle relative competenze territoriali. A Torino, il 19 dicembre c’è il processo per due vittime dell’amianto di Cavagnolo e Schmidheiny è accusato di omicidio colposo con colpa cosciente. A Napoli,invece, il pm ha chiesto invece l’imputazione di omicidio doloso, ma l'udienza è slittata al nuovo anno. Mentre in attesa della Cassazione erano le procure di Vercelli, che deve occuparsi del maggior numero di morti compresi gli oltre 240 dl Casale e di Reggio Emilia.
14/12/2017
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus



I ragazzi di Pozzolo contro il bullismo
I ragazzi di Pozzolo contro il bullismo
Il gioiello di Cerreto
Il gioiello di Cerreto
La notte del Classico
La notte del Classico
Il calendario della PasTas
Il calendario della PasTas
Gavazza, 65 anni di lavoro
Gavazza, 65 anni di lavoro
Bike Passion
Bike Passion
Villalvernia ricorda le bombe
Villalvernia ricorda le bombe