Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Serravalle Scrivia

Il comandante Ezio Bassani, pioniere di questi strumenti antivelocità

Carattere deciso, innamorato del proprio lavoro, il comandante della polizia municipale di Serravalle Ezio Bassani è stato per la nostra zona il pioniere che importò i “Velo Ok”
SERRAVALLE SCRIVIA - Carattere deciso, innamorato del proprio lavoro, il comandante della polizia municipale di Serravalle Ezio Bassani è stato per la nostra zona il pioniere che importò i “Velo Ok”. Non fu però un’iniziativa estemporanea ma il frutto di un lungo lavoro che Bassani e i suoi uomini affrontarono con l’umiltà dei profani e l’entusiasmo dei neofiti come racconta proprio uno dei protagonisti di quei giorni: "Da sempre la nostra amministrazione ci chiede di fare il nostro lavoro, prevenire incidenti e problemi legati al traffico. Qualche anno addietro decidemmo così di capire la filosofia che animava i Velo Ok, allora sperimentati nelle Marche. Però non ci limitammo a importare passivamente le apparecchiature ma avviammo un progetto con l’Università Cattolica di Milano, facoltà di Psicologia, per arrivare a capire le cause dei sinistri e i modi per prevenirli".

Insomma un lavoro universitario applicato sulla strada con i serravallesi a fungere da “cavie” a un programma che ha dato i suoi frutti, come racconta ancora Bassani: "Se prima ci concentravamo su prevenzione e sanzione al codice della strada, iniziammo a orientarci anche all’educazione stradale inteso come sensibilizzazione al rispetto della legalità. Avevamo capito che gli indicatori di velocità allora in voga perdevano l’effetto deterrente dopo tre giorni dal loro avvio e in alcuni casi diventavano una sorta di tachimetro nelle gare di velocità: insomma, non avevano nessun effetto ma diventavano un incentivo ad andare forte. Con l’Università milanese individuammo nell’arancione il colore appropriato per indicare una situazione di potenziale pericolo: inconsciamente, quel colore ci porta a concentrarci maggiormente quando guidiamo. Poi, passammo alla fase sperimentale dove notammo che nel breve periodo gli autisti rispettavano all’80% il limite di velocità in prossimità di un Velo Ok, una percentuale che nel lungo periodo è scesa al 66% ma senza picchi particolari come accadeva in passato quando rilevammo una infrazione di un veicolo transitato in centro abitato a 147 chilometri orari. Infine arrivammo all’applicazione dello strumento repressivo inserendo a campione le macchinette autovelox dentro i Velo Ok e anche qui i risultati arrivarono perché su 4-5 mila controlli le infrazioni non superano i 20-25 casi".

Insomma un successo a tutto tondo e a prezzo contenuto come ricorda ancora Ezio Bassani: "A Serravalle i Velo Ok costarono 11.400 euro oltre l’Iva, con un costo medio per struttura di 250-300 euro. Già che ci siamo sfatiamo altri miti: i Velo Ok non sono pericolosi perché costruiti con lo stesso materiale delle cuspidi dei caselli autostradali e soprattutto sono coperti da copertura assicurativa".
30/01/2017
Maurizio Iappini - m.iappini@ilnovese.info
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus



Operazione dei carabinieri
Operazione dei carabinieri
Porte aperte al Marenco
Porte aperte al Marenco
Parco Euronovi
Parco Euronovi
Porte aperte al Marenco
Porte aperte al Marenco
Nuovo allestimento per “I Percorsi dell’Arte” dedicato a Carlo Carrà
Nuovo allestimento per “I Percorsi dell’Arte” dedicato a Carlo Carrà
"Gli Ambulanti di Forte dei Marmi®” ad Alessandria domenica 7 aprile
"Gli Ambulanti di Forte dei Marmi®” ad Alessandria domenica 7 aprile
Incendio al passo della Bocchetta
Incendio al passo della Bocchetta