Novi Ligure

Il quartiere di viale Pinan Cichero pronto a rifarsi il look

Si parte la settimana prossima con la potatura degli alberi. Poi seguiranno le asfaltature, il rifacimento della segnaletica e i nuovi giochi per le aree bimbi. Sul fronte sicurezza il sindaco Muliere ha chiesto la collaborazione degli abitanti: "I teppisti prendono possesso delle zone che vengono trascurate"
NOVI LIGURE – Un progetto da 70 mila euro per la manutenzione straordinaria del quartiere di viale Pinan Cichero. L’hanno presentato ieri agli abitanti della zona il sindaco Rocchino Muliere e l’assessore ai Lavori pubblici Felicia Broda. Grazie agli oneri di urbanizzazione pagati da Eurospin – il nuovo supermercato che si insedierà in via Mazzini – l’amministrazione comunale è riuscita a varare un programma di interventi al quartiere G1 che prevede, tra l’altro, la potatura di 120 alberi, l’asfaltatura di parte dell’“anello” di viale Pinan Cichero e la sistemazione di due aree giochi per i bambini.

«Negli anni scorsi abbiamo avuto parecchi problemi per la manutenzione della città – ha ammesso il sindaco Muliere – Ma non è stato possibile fare di più, a causa dei tagli che hanno più che dimezzato il bilancio comunale.
I lavori, nel quartiere tra viale Pinan Cichero e via IV Novembre, sono stati già appaltati e si svolgeranno in due fasi. «La prima fase inizierà già la settimana prossima, e prevede la potatura degli alberi – ha detto l’assessore Broda – Nella seconda fase, che comincerà più avanti quando le condizioni meteo lo permetteranno, saranno rifatti gli asfalti lungo gli accessi alla zona interna, sarà sistemato il fondo stradale di viale Pinan Cichero nei punti più rovinati e sarà rifatta la segnaletica orizzontale. Faremo anche una verifica delle condizioni di tombini e caditoie».

Muliere e Broda hanno anche fatto sapere che saranno sistemati nuovi giochi nelle due aree per i bambini: un annuncio accolto dagli abitanti del quartiere con qualche scetticismo. Da una parte le mamme contente, dall’altra i papà dubbiosi: «Senza controlli e senza recinzioni, le strutture per i bimbi diventeranno preda dei vandali nel giro di pochi mesi».

Sul fronte sicurezza, il primo cittadino ha ricordato il piano di potenziamento della videosorveglianza ma ha anche ammesso che l’organico della polizia municipale è ridotto all’osso. «C’è bisogno della collaborazione di tutti – ha detto – I teppisti si impossessano delle zone che gli abitanti abbandonano».
Tante le magagne che i residenti del quartiere hanno segnalato: si va dai problemi di manutenzione nei palazzi di proprietà dell’Atc, l’agenzia delle case popolari, alla presenza di vandali durante le ore notturne nei giardini all’incrocio tra via IV Novembre e via Maggi, all’erba troppo alta nei giardinetti, alla presenza di escrementi di cane lasciati un po’ ovunque a fare bella mostra di sé. Muliere ha annotato ogni lamentela sul proprio taccuino e a tutti ha cercato di dare una risposta.
Il primo atto sarà una riunione a tre: Comune, Atc, residenti. «Non possiamo obbligarli, ma dall’Agenzia territoriale per la casa ci aspettiamo che intervengano velocemente almeno sui problemi più eclatanti e che si trascinano da più tempo».
31/01/2017
Elio Defrani - e.defrani@ilnovese.info