Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Serravalle

Litigio in strada, investita una donna

E' rimasta a suo discapito coinvolta nella lite tra due marocchini la signora travolta dal veicolo guidato da uno dei due litiganti, nei pressi del supermercato Eurospin. Sul posto sono intervenuti carabinieri e volontari del 118, che hanno trasportato la vittima all'ospedale di Novi
SERRAVALLE SCRIVIA – "Tra i due litiganti il terzo gode", dice il proverbio. Ma stavolta non è andata esattamente così. Nella sera di venerdì 6 settembre, infatti, un litigio tra due marocchini, avvenuto intorno alle 22 in viale Martiri della Benedicta, nei pressi del supermercato Eurospin, è costato caro a una donna che, passando di lì, è stata investita dall'auto di uno dei due uomini che stava fuggendo.

Secondo una prima ricostruzione dei fatti, gli abitanti dei dintorni hanno sentito urla e rumori di lotta, così si sono affacciati e hanno visto due nordafricani che stavano litigando. Qualcuno ha chiamato il 112 e uno dei due uomini, per allontanarsi, è salito sulla propria auto fuggendo via a tutta velocità. Nella manovra, però, ha urtato una donna, anch'ella di nazionalità marocchina, che è caduta a terra senza riuscire a rialzarsi.

Oltre ai carabinieri, sono così giunti sul posto anche i soccorritori del 118 che hanno trasportati la donna investita all'ospedale di Novi Ligure. Sono in corso le indagini degli inquirenti per riuscire a rintracciare il pirata della strada e il secondo uomo.


 
8/09/2013
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 



Operazione dei carabinieri
Operazione dei carabinieri
Porte aperte al Marenco
Porte aperte al Marenco
Monile Viaggi: Creiamo esperienze
Monile Viaggi: Creiamo esperienze
Maurizio Landini alla Festa d'Aprile
Maurizio Landini alla Festa d'Aprile
Parco Euronovi
Parco Euronovi
Porte aperte al Marenco
Porte aperte al Marenco
Nuovo allestimento per “I Percorsi dell’Arte” dedicato a Carlo Carrà
Nuovo allestimento per “I Percorsi dell’Arte” dedicato a Carlo Carrà