Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Novi Ligure

Teppisti manomettono la pedana tra i vagoni, ferito un ferroviere

L’uomo ha rischiato di cadere tra due carrozze, perché qualcuno aveva sollevato una delle due passerelle di collegamento tra le vetture. Per fortuna il treno era fermo e grazie alla prontezza di riflessi il capotreno ha evitato di finire con le gambe nel “buco” aperto tra le carrozze
NOVI LIGURE – Ha rischiato grosso un dipendente delle ferrovie Trenord, rimasto vittima di un deplorevole atto di teppismo a bordo del treno Milano-Novi. L’uomo ha corso il pericolo di cadere tra due vagoni, perché qualcuno aveva sollevato una delle due passerelle di collegamento tra le vetture. Per fortuna, la pedana alzata in verticale era quella della carrozza su cui si trovava il capotreno: allo scuro non l’ha vista e ci ha sbattuto contro il ginocchio, ma almeno ha evitato di finire con le gambe nel “buco” aperto tra i due vagoni.

Sabato 1° ottobre, intorno alle 8 di sera, quando il convoglio era ormai fermo alla stazione di Novi Ligure, il capotreno stava percorrendo le vetture del Regionale 2165 per controllare che tutto fosse in ordine. Passando da un vagone all’altro, al buio, ha urtato con il ginocchio la passerella che era stata alzata a novanta gradi. L’ipotesi più probabile è che si sia trattato di un atto vandalico: nel vagone qualcuno aveva aperto un estintore imbrattando la vettura e c’erano anche vetri rotti.

Il capotreno, un milanese 34enne dipendente di Trenord, si è fatto medicare al pronto soccorso del San Giacomo, dove gli è stata diagnosticata una contusione al ginocchio con cinque giorni di prognosi. L'uomo si è recato da solo all'ospedale, senza bisogno di ricorrere all'ambulanza. Le indagini sull’accaduto sono affidate alla polizia ferroviaria di Novi Ligure, al comando del sostituto commissario Alessandro Serratto.

Stando a una prima ricostruzione, i teppisti avrebbero agito quando il treno era fermo, perché difficilmente sarebbero riusciti a sollevare la passerella che costituisce il pavimento del soffietto tra le carrozze mentre il convoglio era in movimento. Per fortuna (se così si può dire) a imbattersi nel trabocchetto è stato un ferroviere esperto che arrivava dalla “parte giusta” del vagone. Una persona anziana o un bambino che fossero arrivati dalla direzione opposta sarebbero potuti finire con le gambe nello spazio tra le vetture, con gravi conseguenze.

[foto: immagini generiche dal web: le passerelle metalliche correttamente appoggiate, a costituire il pavimento del soffietto tra due vagoni]
4/10/2016
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus



Operazione dei carabinieri
Operazione dei carabinieri
Porte aperte al Marenco
Porte aperte al Marenco
Parco Euronovi
Parco Euronovi
Porte aperte al Marenco
Porte aperte al Marenco
Nuovo allestimento per “I Percorsi dell’Arte” dedicato a Carlo Carrà
Nuovo allestimento per “I Percorsi dell’Arte” dedicato a Carlo Carrà
"Gli Ambulanti di Forte dei Marmi®” ad Alessandria domenica 7 aprile
"Gli Ambulanti di Forte dei Marmi®” ad Alessandria domenica 7 aprile
Incendio al passo della Bocchetta
Incendio al passo della Bocchetta