Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Novi Ligure

Al Marenco primi spettacoli a ottobre. "Sar il motore culturale della citt"

I primi visitatori al restaurato teatro Marenco di Novi Ligure sono stati i piccoli alunni della scuola elementare Zucca. I primi spettacoli saranno messi in scena a ottobre. Muliere: "Sar il motore culturale della citt"
NOVI LIGURE – «Abbiamo raggiunto un obiettivo importante, oggi restituiamo il teatro alla città». Parole del sindaco Rocchino Muliere, che stamattina ha accolto i primi alunni venuti per ammirare il Marenco dopo i restauri. Insieme ai componenti della giunta comunale e al presidente della Fondazione Marenco Antonino Andronico, Muliere ha guidato i primi visitatori nella sala grande: «Insieme al cinema, aperto un anno fa, il teatro costituirà un elemento di attrazione importante e diventerà il motore dell’attività culturale in città».

La stagione teatrale prenderà il via a ottobre, dopo tre anni e mezzo di lavori e un impegno economico di quasi 5 milioni di euro, tra Fondazione Cassa di risparmio di Alessandria, ministero per i Beni culturali, Regione e Comune. «Un tempo congruo – ha detto Muliere – se consideriamo abbiamo dovuto adeguare una struttura antica a stringenti normative di sicurezza». Sotto la platea, ha ricordato ad esempio Andronico, c’è una grande vasca destinata a contenere l’acqua per il sistema antincendio. Il palco è mobile e può essere utilizzato in quattro diverse conformazioni a seconda del necessario. «Fatto raro tra i teatri di queste dimensioni – ha affermato ancora Andronico – c’è una buca per l’orchestra sufficiente per ospitare una quarantina di musicisti». Il Marenco offrirà 440-450 posti, suddivisi tra la platea (con circa 150 posti), tre ordini di palchi e il loggione.

La struttura di via Girardengo potrà essere usata per qualunque attività, dall’opera, alla prosa, al balletto. «Il restauro è il frutto del lavoro di maestranze novesi. I materiali d’epoca sono stati interamente recuperati e riutilizzati», ha detto il presidente della Fondazione Marenco. Sul pavimento è presente anche un antico stemma della città di Novi, senza i grifoni che oggi siamo abituati a vedere.

Le visite delle scuole continueranno anche nei prossimi giorni: oggi i primi a entrare sono stati i piccoli alunni della 3ªA della scuola elementare Zucca, accompagnati dagli insegnanti e dalle volontarie Silvia Pelizza e Concetta Inneo. L’adesione degli istituti scolastici è stata massiccia e ha esaurito la disponibilità dei posti: alle classi che non potranno effettuare la visita ora sarà data la possibilità di farlo a settembre, non appena iniziato l’anno scolastico.

I giorni di apertura al pubblico saranno invece sabato 6 aprile, dalle 9 alle 12 e dalle 14 alle 23; domenica 7, dalle 9 alle 12 e dalle 14 alle 19; sabato 13, dalle 9 alle 12 e dalle 14 alle 23; domenica 14, dalle 9 alle 12 e dalle 14 alle 19. Le visite durano mezz’ora e si svolgono a gruppi di 20/25 persone (prenotazioni allo 0143 772259 o 772204).
3/04/2019
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus



Operazione dei carabinieri
Operazione dei carabinieri
Porte aperte al Marenco
Porte aperte al Marenco
Monile Viaggi: Creiamo esperienze
Monile Viaggi: Creiamo esperienze
Maurizio Landini alla Festa d'Aprile
Maurizio Landini alla Festa d'Aprile
Parco Euronovi
Parco Euronovi
Porte aperte al Marenco
Porte aperte al Marenco
Nuovo allestimento per “I Percorsi dell’Arte” dedicato a Carlo Carrà
Nuovo allestimento per “I Percorsi dell’Arte” dedicato a Carlo Carrà