Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Alessandria

Sgarbi, insulti omofobi contro il Meier: "su quella cagata di ponte diventi finocchio"

Parole di fuoco, come è nel suo stile, durante l'incontro organizzato in città per discutere di tutela del territorio, turismo e cultura. Il critico difende il patrimonio della tradizione, fatto di "un mondo contadino e rurale da tutelare", mentre attacca apertamente l'opera dell'architetto statunitense. "Alessandria? E' poco attraente"
ALESSANDRIA - L'intervento di Vittorio Sgarbi tenutosi martedì 13 febbraio in università, nella sede del Dipartimento di Scienze e Innovazione tecnologica del nostro capoluogo, è stato sicuramente a tinte forti, nella tradizione a cui il critico ci ha ormai abituati. 

Invitato per discutere del territorio come elemento trainante per il rilancio dell'economia (ma il titolo è stato criticato dall'ospite, che ha individuato nella salvaguardia del patrimonio la vera chiave per il rilancio), il critico, ex deputato e oggi assessore alla Cultura della Regione Sicilia, ha difeso il lavoro di salvaguardia e tutela dei beni con più di 70 anni presenti in provincia, sottolineando come ciò che si riesca a salvare possa diventare una ragione di attrazione: "la casa di Pelizza da Volpedo va difesa, vuol dire salvare un santuario, va tenuta come un luogo di bellezza attraente". 

Il tema ricorrente è stato quello della necessità di guardare al nostro passato con rispetto, e per il lavoro svolto a tutela del patrimonio italiano non sono mancati apprezzamenti al Fai. 

Se da un lato Sgarbi ha sottolineato l'importanza di rilanciare ciò che oggi la città offre, a partire dalla Cittadella e dai musei, "che vanno aperti gratuitamente ai cittadini, perché contengono il patrimonio che è di tutti gli abitanti ed è assurdo che paghino per vedere qualcosa che è loro", l'attenzione si è poi concentrata sul nuovo ponte, costruito in sostituzione del precedente, a lungo difeso da Sgarbi, in una battaglia poi persa che ne portò all'abbattimento. "Su quella cagata di ponte diventi finocchio", ha chiosato il critico, riferendosi in particolare alla passeggiata pedonale, accompagnando le sue osservazioni con pesanti insulti anche all'architetto Meier, che il ponte lo ha progettato. "Chi ha fatto abbattere il precedente andrebbe arrestato", ha sottolineato Sgarbi, più interessato a realtà come Tortona, ma, almeno in questo caso, non citata per le sue bellezze artistiche o la sua storia, ma perché considerata "il luogo più erogeno d'Italia, dove si pratica il sesso più selvaggio". 

Verso la conclusione del suo intervento il critico è tornato sul tema dei vincoli da porre per la tutela del territorio, sottolineando l'importanza di proteggere gli edifici storici, le cascine e le case rustiche, da recuperare piuttosto che consentire la costruzione di nuovi condominii. 
14/02/2018
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus



Maurizio Vandelli in concerto al Festival Contro 2018
Maurizio Vandelli in concerto al Festival Contro 2018
Cristiano De Andr? apre il Festival contro 2018 a Castagnole Lanze
Cristiano De Andr? apre il Festival contro 2018 a Castagnole Lanze
Pattinaggio artistico Aurora
Pattinaggio artistico Aurora
Maurizio Vandelli a Castagnole Lanze per Festival Contro 2018
Maurizio Vandelli a Castagnole Lanze per Festival Contro 2018
Cristiano De André canta De André al Festival Contro 2018
Cristiano De André canta De André al Festival Contro 2018
L’originale Consorzio "Gli Ambulanti di Forte dei Marmi" a Salice Terme domenica 2 settembre
L’originale Consorzio "Gli Ambulanti di Forte dei Marmi" a Salice Terme domenica 2 settembre
Incendio alle Capanne di Marcarolo: le operazioni dei Vigili del Fuoco
Incendio alle Capanne di Marcarolo: le operazioni dei Vigili del Fuoco