Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Novi Ligure

Slot machine, i serravallesi si bruciano due stipendi all'anno

Due stipendi all'anno. E' quanto ogni abitante di Serravalle Scrivia, neonati compresi, ha speso nel corso del 2016 alle slot machine. Ma anche altrove non va meglio: perfino nel borgo di Albera, in val Borbera, si è arrivati a cifre superiori ai 1.400 euro, così come a Novi. I dati comune per comune
ROMA – Due stipendi all’anno. È quanto ogni abitante di Serravalle Scrivia, neonati compresi, ha speso nel corso del 2016 alle slot machine. Per la precisione, 2.651 euro pro capite. Una fotografia impietosa quella che emerge dai dati ufficiali dell’Aams, l’Amministrazione autonoma delle dogane e dei monopoli, elaborati dal Gruppo editoriale L’Espresso. Anche perché purtroppo quella di Serravalle non è una eccezione: la provincia di Alessandria è a livello nazionale tra quelle dove nel 2016 si sono buttati più soldi nei videopoker, con una media pro capite di 1.097 euro all’anno. Peggio di noi hanno fatto solamente altre nove province, tutte del Nord.

Nella classifica dei comuni novesi in cui si è speso di più alle slot, in terza posizione a sorpresa troviamo il borgo valborberino di Albera Ligure, con 1.464 euro a testa, dopo Basaluzzo che è secondo con 1.742 euro. Cifre da capogiro, se raffrontate agli stipendi medi.
Prendiamo proprio il caso di Albera: secondo i dati dell’Aams, il paese conta 312 abitanti e un reddito medio pro capite piuttosto basso, di 16.300 euro. Le slot sono tre, e hanno raccolto in totale 456 mila euro di giocate. Per gli amanti della matematica il conto è presto fatto: ogni giorno sono stati giocati 1.250 euro, equivalente quasi al 10 per cento del reddito dell’intero paese.

Nella parte basse della classifica troviamo invece Voltaggio (66 euro), San Cristoforo (71), Francavilla Bisio (122) e Tassarolo (181), oltre ad alcuni piccoli centri dove le slot non sono presenti (Grondona ad esempio). Ma si tratta, queste per davvero, di eccezioni.

Viaggiano sopra i mille euro di spesa Novi Ligure (1.406 euro) e Arquata (1.323). In una fascia che sta tra i mille e i 500 euro troviamo Fresonara (792), Bosco Marengo (789), Stazzano (687), Pozzolo Formigaro (675), Predosa (647), Carrosio (579), Bosio (575) e Vignole Borbera (510). Sotto i 500 euro ci sono Gavi (489), Cabella (442), Borghetto Borbera (412), oltre a Tassarolo e Voltaggio.

Tra i centri zona della provincia, la sfida è vinta – si fa per dire… – da Tortona, dove nel 2016 sono riusciti nell’impresa di bruciare in media 2.985 euro a testa nelle videoslot. Seguono Ovada (1.630), Alessandria (1.554), Novi (1.406), Acqui Terme (1.245), Casale Monferrato (1.166) e Valenza (1.030).

Poche settimane fa è entrata in vigore una legge regionale che di fatto ha costretto quasi tutti i bar e le tabaccherie del Piemonte a eliminare le macchinette mangiasoldi. Fissando dei parametri di distanza tra slot machine e luoghi sensibili (come chiese, ospedali, scuole, bancomat, compro oro…), la legge ha in pratica vietato la presenza delle videoslot all’interno dei centri cittadini. La normativa regionale salva sale giochi e sale scommesse, ma ci sono tutte le premesse per sperare che il 2016 sia l’ultimo anno in cui i cittadini di Novi hanno buttato nei videopoker 40 milioni di euro.

Le slot machine sono un affare soprattutto per lo Stato. Su 100 euro giocati, in teoria 74 dovrebbero tornare agli utenti sotto forma di vincite. All’erario ne vanno 19 e all’Aams meno di 1. Rimangono quindi poco più di 6 euro che vengono divisi a metà tra il gestore del locale e il noleggiatore.
Le tipologie di macchinette sono differenti. Quelle che tecnicamente sono chiamate Awp (ma più comunemente “new slot”) sono apparecchi elettronici che accettano solo monete, presenti anche in bar e tabaccherie. Le Vlt (o “videolottery) sono apparecchi che accettano anche banconote, sono presenti solo in locali dedicati e consentono giocate e vincite più alte rispetto alle Awp. Nel 2016 a Novi erano presenti 343 Awp (che hanno raccolto 23,2 milioni di euro) e 62 Vlt (16,6 milioni di euro).

Spesa pro capite nel 2016:
1. Serravalle 2.651
2. Basaluzzo 1.742
3. Albera 1.464
4. Novi 1.406
5. Arquata 1.323
6. Fresonara 792
7. Bosco Marengo 789
8. Cassano 764
9. Stazzano 687
10. Pozzolo 675
11. Predosa 647
12. Carrosio 579
13. Bosio 575
14. Vignole 510
15. Gavi 489
16. Cabella 442
17. Borghetto 412
18. Villalvernia 297
19. Tassarolo 181
20. Francavilla 122
21. San Cristoforo 71
22. Voltaggio 66

Centri zona:
1. Tortona 2.985
2. Ovada 1.630
3. Alessandria 1.554
4. Novi 1.406
5. Acqui 1.245
8. Casale 1.166
9. Valenza 1.030
17/12/2017
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus



Gig Economy: la ricaduta dell'economia del lavoretto sugli alessandrini
Gig Economy: la ricaduta dell'economia del lavoretto sugli alessandrini
Gig Economy: il metodo d'indagine sulla provincia di Alessandria
Gig Economy: il metodo d'indagine sulla provincia di Alessandria
Ponte Morandi, tir sequestrati
Ponte Morandi, tir sequestrati
Gavi, le foto vincitrici
Gavi, le foto vincitrici
Fai, Novi è delegazione
Fai, Novi è delegazione
Manifestazione Iperdì
Manifestazione Iperdì
Incidente sulla statale
Incidente sulla statale