Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Economia e Lavoro

Agricoltura in controtendenza: ecco “un seme” di speranza

Le aziende agricole negli ultimi 10 anni, secondo i dati del Sesto Censimento dell’Agricoltura in Provincia di Alessandria, si sono dimezzate di numero, ma restano competitive e a conduzione familiare. Martinotti: “risultati positivi, siamo soddisfatti”
PROVINCIA - Un censimento “realizzato a tempo a record”, come ha sottolineanto Lino Carlo Rava, assessore provinciale all’Agricoltura, “esempio di efficienza per la precisione e la rapidità con cui sono stati raccolti i dati”: avviato a ottobre 2010 su tutto il territorio della provincia di Alessandria, ieri sono stati presentati i dati definitivi. Dal quadro generale emerge una certa controtendenza rispetto ad altri settore dell’economia, come del resto già avvenuto in passato quando si parla di agricoltura, un settore capace di andare bene quando altri comparti arretrano o mostrano segni di recessione. Dai diversi interventi succedutisi ieri, lunedì 22 ottobre, durante la tavola rotonda organizzata per la presentazione dei dati, emerge una situazione in divenire, “destinata a dare buoni risultati nei prossimi 5-10 anni”, come ha spiegato il presidente della Camera di Commercio, Piero Martinotti, “anche grazie a un trend che ha premiato la capacità di riorganizzare le aziende agricole e di vivere da protagonisti il rinnovamento. Siamo andati verso forme più flessibili di gestione fondiaria: sono drasticamente diminuite le piccole realtà, dimezzate nel giro di 10 anni, ma sono cresciute quelle più grandi, così come l’impegno dell’imprenditoria giovanile e di quella femminile”.

I dati emersi dal censimento consentono di descrivere in dettaglio il mondo agricolo, come spiega Cesare Raviolo, in un dossier di presentazione: “dal numero delle aziende al titolo di possesso dei terreni, dall’utilizzazione dei terreni aziendali alla consistenza degli allevamenti, dalla manodopera impiegata alle attività connesse". I dati sono disponibili a vari livelli territoriali, giungendo fino alla dimensione comunale.

Questi i principali elementi emersi dal censimento, contenuti nel dossier:

Tra il 2000 e il 2010, in provincia di Alessandria, le aziende agricole sono diminuite di 9838 unità (da 20476 a 10638) e la superficie agricola utilizzata di 9888 ettari, cioè del 5,8%.

Le aziende che coltivano seminativi - coltura “storica” in provincia - sono calate del 43,1% e la corrispondete superficie coltivata dell‘8,3%. Ugualmente in calo anche le aziende viticole, che sono passate da 10.528 a 4.538 (-56,9%), con una superficie utilizzata in flessione del 17,9%. In questo caso la scomparsa di molte aziende non si è quindi tradotta in una corrispondente diminuzione della superficie coltivata, ma semplicemente di un passaggio di terreni da aziende più piccole ad altre di dimensioni maggiori.

La diminuzione delle aziende è un trend che si è registrato pressoché per tutte le principali coltivazioni: 44,7 nel caso dei cereali, 43,3 della patata, 57,5 delle colture aziendali, particolarmente colpite dall’abbandono della barbabietola da zucchero deciso da molti agricoltori dopo la chiusura dello zuccherificio di Casei Giarola. Parziale eccezione si registra nelle colture ortive, foraggere, fruttifere e i pascoli, che, pur a fronte di una diminuzione del numero delle aziende, hanno aumentato la superficie agricola utilizzata.

Per quel che riguarda gli allevamenti, il numero delle aziende è sceso, dalle 5909 del 2000 alle 1372 del 2010.
23/10/2012
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus



Operazione dei carabinieri
Operazione dei carabinieri
Porte aperte al Marenco
Porte aperte al Marenco
Parco Euronovi
Parco Euronovi
Porte aperte al Marenco
Porte aperte al Marenco
Nuovo allestimento per “I Percorsi dell’Arte” dedicato a Carlo Carrà
Nuovo allestimento per “I Percorsi dell’Arte” dedicato a Carlo Carrà
"Gli Ambulanti di Forte dei Marmi®” ad Alessandria domenica 7 aprile
"Gli Ambulanti di Forte dei Marmi®” ad Alessandria domenica 7 aprile
Incendio al passo della Bocchetta
Incendio al passo della Bocchetta