Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Pozzolo Formigaro

In Fraschetta tornano i bachi da seta ottant'anni dopo l'addio

Andreina Avanti, titolare dell’agriturismo Cascina Folletto di Bettole di Pozzolo, insieme a Paola Marenzana, architetto con il pallino per la tutela del paesaggio rurale, stanno partecipando a uno studio pilota coordinato dal Crea-Api di Padova per produrre nuovamente seta su vasta scala
POZZOLO FORMIGARO - Nell’antica Cina, la morte era la pena riservata a chi avesse rivelato le tecniche di produzione della seta, tanto era prezioso quel tessuto. Ma anche i segreti meglio custoditi prima o poi vengono a galla. Furono due uomini di chiesa, due monaci, i primi a sottrarre alcune uova di baco da seta e a riportarle in Occidente intorno al 550, nascoste nel cavo di una canna di bambù. Oggi, a distanza di quindici secoli e quasi ottant’anni dopo l’abbandono della sericoltura, c’è chi ha deciso di far rivivere l’antica tradizione della Fraschetta che, cominciata intorno al Quattrocento, ha avuto il suo fulgore con la Rivoluzione industriale dell’Ottocento e si è spenta poco prima della Seconda guerra mondiale, per l’introduzione dei tessuti sintetici.

Andreina Avanti, titolare dell’agriturismo Cascina Folletto di Bettole di Pozzolo, insieme a Paola Marenzana, architetto con il pallino per la tutela del paesaggio rurale, stanno partecipando a uno studio pilota coordinato dal Crea-Api di Padova (un centro di ricerca fondato da re Vittorio Emanuele II nel 1871, a dimostrazione di quanto all’epoca la bachicoltura fosse importante per l’economia italiana).
"Insieme ad altre 4-5 aziende agricole piemontesi stiamo verificando la possibilità di riprendere la produzione di seta su vasta scala – spiega Andreina Avanti – Il progetto durerà tra i 3 e i 5 anni, un lasso di tempo durante il quale cercheremo di capire se per la bachicoltura made in Italy può esserci un nuovo inizio".
Già, perché la produzione della seta è un procedimento molto complesso: per ora le tecniche di bachicoltura sono entrate a far parte del programma delle "Fattorie didattiche", di cui la Cascina Folletto è entrata a far parte oltre dieci anni fa.

 IL SERVIZIO COMPLETO SUL NOVESE IN EDICOLA DA GIOVEDì 26 MAGGIO
24/05/2016
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus



I ragazzi di Pozzolo contro il bullismo
I ragazzi di Pozzolo contro il bullismo
Il gioiello di Cerreto
Il gioiello di Cerreto
La notte del Classico
La notte del Classico
Il calendario della PasTas
Il calendario della PasTas
Gavazza, 65 anni di lavoro
Gavazza, 65 anni di lavoro
Bike Passion
Bike Passion
Villalvernia ricorda le bombe
Villalvernia ricorda le bombe