Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Novi Ligure

Agricoltori e strutture ricettive, "Cociv non paga"

Agricoltori e strutture ricettive di Novi Ligure in difficoltà per i mancati pagamenti da parte di Cociv, il consorzio di imprese incaricato di costruire il Terzo Valico. Alcuni coltivatori attendono da 6-12 mesi il pagamento dell'affitto dei terreni dati in uso a Cociv. Ritardi nei pagamenti anche per altre aziende locali
NOVI LIGURE – Agricoltori e strutture ricettive di Novi Ligure in difficoltà per i mancati pagamenti da parte di Cociv, il consorzio di imprese incaricato di costruire il Terzo Valico. Il problema è emerso l’altro ieri durante il consiglio comunale chiamato ad approvare il bilancio preventivo per il 2018.

Alcuni agricoltori, è stato detto in consiglio, attendono da 6-12 mesi il pagamento dell’affitto dei terreni dati in uso a Cociv. Ritardi nei pagamenti anche per altre aziende locali, come le strutture ricettive che ospitano gli operai del consorzio o che forniscono i pasti. «Siamo a conoscenza del problema – ha spiegato il sindaco Rocchino Muliere ai consiglieri – e abbiamo chiesto al commissario di Cociv Marco Rettighieri di provvedere al più presto a saldare quanto dovuto».

Il consigliere di opposizione Marco Bertoli, titolare di un’azienda agricola, ha chiesto ai colleghi di «esprimere solidarietà ai coltivatori» coinvolti dal problema. Fabrizio Gallo, capogruppo del Movimento 5 Stelle, ha considerato la richiesta fuori luogo: «La nostra posizione sul Terzo Valico è sempre stata chiara e il nostro giudizio sull’opera è nettamente negativo. Cociv deve rispettare i contratti che ha firmato, ma non me la sento di esprimere solidarietà». «Prendo atto che una parte del consiglio non è al fianco degli agricoltori», ha replicato Bertoli.

Lo scontro tra Bertoli e Gallo è proseguito per tutta la seduta. Il primo – criticando le continue richieste di precisazioni dei Cinque Stelle all’assessore alle Finanze Simone Tedeschi – ha detto che «la sede giusta per queste domande non è il consiglio comunale, ma le commissioni consiliari. In consiglio siamo chiamati a dare un giudizio politico sul bilancio, non ad analizzare le singole voci di spesa. Se non sapete usare le commissioni, tanto vale abolirle».

La provocazione non è piaciuta a Gallo: «Alle commissioni c’è chi non viene mai, se non quando c’è qualche argomento che gli interessa particolarmente – ha detto l’esponente M5s riferendosi proprio a Bertoli – E prendo seriamente il mio ruolo di opposizione, non come chi viene in consiglio per dire qualche battuta in dialetto, senza mai entrare nel merito e facendo la stampella della maggioranza». «Prova a farti eleggere per cinque volte come ho fatto io», ha replicato Bertoli. Anche la consigliera Maria Rosa Porta ha criticato le modalità di svolgimento delle commissioni, ma per motivi opposti: «Spesso mancano gli interlocutori da cui avere le risposte che ci servono, come assessori e dirigenti».
30/12/2017
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus



Primo cogresso provinciale Uil Tucs dopo 4 anni
Primo cogresso provinciale Uil Tucs dopo 4 anni
Il rap di Kaldy e Sr Miind
Il rap di Kaldy e Sr Miind
Basaluzzo, festa di Carnevale in parrocchia
Basaluzzo, festa di Carnevale in parrocchia
Salvini all'Ilva
Salvini all'Ilva
Festa degli anniversari
Festa degli anniversari
La villa di Pessino
La villa di Pessino
Visita pastorale, le immagini
Visita pastorale, le immagini