Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Economia e Lavoro

Federdistribuzione nega il contratto ai lavoratori della grande distribuzione

Sciopero e manifestazione unitaria dei sindacati per la giornata di sabato 28 maggio per il mancato accordo con Federdistribuzione sul contratto per i lavoratori della grande distribuzione commerciale. Manifestazione nel casalese e poi a Torino
 LAVORO - Federdistribuzione nega il contratto alle lavoratrici e ai lavoratori della grande distribuzione commerciale: trattative cessate per la definizione del primo contratto collettivo nazionale di lavoro per le aziende aderenti a Federdistribuzione.

E i sindacati non ci stanno: Cgil, Cisl e Uil hanno organizzato uno sciopero per l'intera giornata di oggi, sabato 28 maggio, con relativa manifestazione, sia locale (a Villanova M.to – Strada Statale Casale/Vercelli il località rotonda stabilimento ex Bistefani/Supermercato Bennet ) sia a Torino con concentramento in Piazza Albarello, corteo e conclusioni in Piazza Carignano. Cui si aggiungeranno ulteriori 8 ore di sciopero da gestire a livello territoriale.

Le ragioni della rottura sono da ricondurre alle condizioni inderogabili e non negoziabili poste da Federdistribuzione per la sigla del contratto, vale a dire: "La destrutturazione del sistema di inquadramenti utilizzando la leva del jobs act; l’imposizione di norme destinate a consentire alle aziende di derogare a tutte le norme del futuro contratto anche in assenza di accordo tra le parti a livello aziendale; la definizione di aumenti salariali che determinerebbe al 31.12.2018 una massa salariale di 1.831 euro al 4° livello a fronte dei 3.000 euro previsti alla stessa data e al medesimo livello d’inquadramento dal contratto applicato ai dipendenti delle altre aziende del commercio, ossia alla stragrande maggioranza delle lavoratrici e dei lavoratori del settore".

"Porre a 28 mesi dall’inizio dei negoziati tali condizioni inderogabili e non negoziabili dimostra che l’asserita volontà di Federdistribuzione di realizzare un’intesa è priva di fondamento - commentano le tre sigle sindacali - Federdistribuzione vorrebbe imporre un diktat inaccettabile attraverso cui realizzare un evidente vantaggio competitivo a danno dei propri dipendenti".

"In aggiunta a ciò è emersa palese la volontà di Federdistribuzione di modificare in peggio le norme contrattuali sul mercato del lavoro, l’orario di lavoro e la bilateralità, con particolare riferimento ai sistemi di welfare (assistenza e previdenza integrative), determinando un danno aggiuntivo per i dipendenti delle imprese ad essa associate".
28/05/2016
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus



I ragazzi di Pozzolo contro il bullismo
I ragazzi di Pozzolo contro il bullismo
Il gioiello di Cerreto
Il gioiello di Cerreto
La notte del Classico
La notte del Classico
Il calendario della PasTas
Il calendario della PasTas
Gavazza, 65 anni di lavoro
Gavazza, 65 anni di lavoro
Bike Passion
Bike Passion
Villalvernia ricorda le bombe
Villalvernia ricorda le bombe