Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Provincia

Il brand Monferrato ora chic: orgoglio e marketing del dopo Unesco

Lungo o corto (il nome) non importa: l'importante che oggi il Monferrato si stia scoprendo meta di turismo enogastronomico. Merito dell'Unesco. E cos si usano tutti i mezzi per usare il "brand" delle colline.
PROVINCIA - Da luogo depresso da cui tutti volevano fuggire per cercar fortuna nelle grandi città, a tesoro parzialmente scoperto, di cui tutti ora ne vogliono un po'. Da quando l'UNESCO ha certificato che anche un pezzo di colline del sud Piemonte – chiamate Langhe, Monferrato o Roero a seconda di dove si guardino – sono luoghi bellissimi, si è scatenata una vera e propria corsa all'oro per beneficiare direttamente o indirettamente di ciò che un riconoscimento internazionale può portare.

Turismo uguale economia, uguale soldi, uguale tante opportunità.

A noi alessandrini è toccato il Monferrato, ma quello casalese degli infernot. L'Alto Monferrato di Aleramo e degli Antichi Romani è rimasto sul confine, a guardare che al di là di una valle è patrimonio dell'umanità, al di qua e “solite” colline con vigneti, boschi e torri.

Alto Monferrato
Il sindaco di Acqui Terme Enrico Bertero sembra non preoccuparsene più come un tempo: “Tanti nomi per uno stesso paesaggio: le colline e i vigneti sono gli stessi. E poi facciamo parte dell'associazione paesaggi vitivinicoli e siamo inseriti nei circuiti di promozione turistica”.
Ostenta indifferenza sapere che la sua bella città è ai margini del territorio Unesco: “Da nessuna parte ci sono 1.746 posti letto come da noi. Il turista che sceglie i paesaggi vitivinicoli a Acqui trova storia, enogastronomia e cultura”.
Vai a Canelli per lo spumante, a Nizza per la barbera, e non vuoi fare una capatina nella vicina città termale? “Già Tacito e Plinio segnavano Acque Statiellae come una delle fonti miracolose di acqua calda naturale nel mondo conosciuto, con Aix en Provence e Pozzuoli”.
Il brand Acqui, insomma, esiste da duemila anni.

Lo ha detto recentemente anche l'assessore al turismo della Regione Piemonte, Antonella Parigi, all'inagurazione della mostra acquese su Dalì: "Le colline Unesco finiscono ufficialmente dietro l'angolo, ma il paesaggio è lo stesso, i confini non contano".

Basso Monferrato
Se Fubine recentemente ha deciso di aggiungere “Monferrato” al nome, in linea con un grande progetto di marketing territoriale già in atto, c'è il paesello di fianco, Lu, che lo volle toglier per praticità. E forse anche per levarsi quell'identificativo un po' troppo campagnolo, in un periodo di depressione economica.

Così insieme a Ne (GE), Re (VB), Ro (FE), Vo' (PD), è il quinto comune con il nome più corto in Italia. Un Guinness dei Primati che ora viene commentato al bar con un pizzico di delusione. Vallo a sapere che dopo quarant'anni anche nel Monferrato casalese sarebbero arrivati i Giapponesi a far foto. “Pentiti? Alcuni compaesani ci pensano, ma siamo nel bel mezzo degli infernot Unesco (nella foto)”, ricorda il giovane sindaco Michele Fontefrancesco, classe 1983, che in ogni caso non tornerebbe indietro (“Ricambiare nome comporta delle spese”): “Il paese, da sempre, in dialetto veniva chiamato solamente Lu”.

Nessun rimpianto, dunque. Orgogliosi e tenaci fino in fondo questi "muntagné", poco abituati ad essere al centro dell'attenzione ma molto a lavorare sodo. 
 
8/08/2016
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus



Antonella ti amo
Antonella ti amo
Pernigotti, vertice al Mise
Pernigotti, vertice al Mise
Incendio al passo della Bocchetta
Incendio al passo della Bocchetta
Di corsa per Pernigotti e Iperdì
Di corsa per Pernigotti e Iperdì
Sabbione presenta il Ventotto
Sabbione presenta il Ventotto
Incendio alla Merella
Incendio alla Merella
Pernigotti, Natale con il vescovo
Pernigotti, Natale con il vescovo