Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Economia e lavoro

Ilva, due cordate in lizza per comprarsi la fabbrica

Giovedì 30 giugno scadono i termini per la presentazione delle offerte per partecipare al bando e rilevare gli asset dell'Ilva. Mentre all'orizzonte si intravedono due cordate disposte ad acquisire il gruppo, a permanere è uno stato di incertezza, anche per lo stabilimento di Novi Ligure
ECONOMIA - La salvezza dell'acciaio italiano e di una fra le colonne portanti dell'industria passa attraverso due cordate, quelle che presenteranno un'offerta per partecipare al bando e rilevare gli asset di Ilva. Dopo mesi di trattative, è stata ufficializzata la cordata che vede Cassa Depositi e Prestiti insieme al gruppo Arvedi, di proprietà del cremonese Giovanni, attivo nel campo fin dal 1963, e con Delfin, la società di famiglia dell'imprenditore Leonardo Del Vecchio, patron di Luxottica. Nel gruppo sarebbe dovuta rientrare anche la turca Erdermir, ma a pochi giorni dalla scadenza i vertici della società hanno fatto sapere di non essere in grado di prendere una decisione. Anche se i tre rimasti dichiarano di essere aperti all'ingresso di nuovi partner o della stessa Erdermir se dovesse ripensarci.
Contro una cordata che è tutta italiana si “scontra” la Marcegaglia in accordo con ArcelorMittal, colosso industriale franco-indiano, leader nel settore dell'acciaio, nato dalla fusione di due tra le più grandi aziende del settore, la Arcelor e la Mittal Steel Company, avvenuta nel 2006. Questa seconda cordata nasce dall'unione di due fra i gruppi industriali che hanno maggiormente mostrato interesse per l'acquisizione dell'Ilva da diverso tempo.

Offerte, siamo al rush finale
Giovedì 30 giugno, alle dodici scadono i termini per la presentazione delle offerte. Poi ci saranno 120 giorni a disposizione degli esperti, incaricati con l'ultimo decreto del governo Renzi, per valutare i piani di risanamento e riconversione ambientale presentati contestualmente alle offerte dai concorrenti. Solo dopo, verranno valutate le offerte economiche.

Permane l'incertezza, anche a Novi
Con queste tempistiche, si può facilmente intuire che questo percorso si chiuderà a fine anno, perpetrando lo stato di incertezza vissuto finora dai lavoratori dell'Ilva, compresi quello dello stabilimento di Novi Ligure, dall'indotto a servizio delle industrie dislocate dal Nord al Sud dell'Italia, dagli stessi tecnici che stanno seguendo una situazione complicatissima, che va avanti da ormai quattro anni, fra sequestri, processi e tribunali, decreti di salvataggio da parte del governo e ipotesi di acquisizioni mai concretizzate.
30/06/2016
Lucia Camussi - l.camussi@ilnovese.info
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus



Inaugurazione DS Store Alessandria - Maurizio Zoccatato GrandiAuto
Inaugurazione DS Store Alessandria - Maurizio Zoccatato GrandiAuto
Inaugurazione DS Store Alessandria
Inaugurazione DS Store Alessandria
Macelleria Gastaldo
Macelleria Gastaldo
Carrà, Carrà, ancora Carrà...
Carrà, Carrà, ancora Carrà...
Sabatini Bistrot
Sabatini Bistrot
Nuovi mezzi per la Croce Verde
Nuovi mezzi per la Croce Verde
Inaugurazione Ds Store di Alessandria
Inaugurazione Ds Store di Alessandria