Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Serravalle Scrivia

Kme, il rame non "tira", fermata anticipata

Già fermi gli impianti alla Kme di Serravalle Scrivia. E a gennaio si attende il nuovo piano industriale: dopo la vendita di uno stabilimento in Inghilterra si temono ripercussioni anche sull'Italia
SERRAVALLE SCRIVIA – Impianti fermi da oltre 20 giorni alla Kme di Serravalle Scrivia. Un Natale anticipato, ma non è una buona notizia. La crisi, che sta investendo soprattutto il settore delle lavorazioni in rame, ha fatto anticipare la fermata che, generalmente, veniva effettuata verso il 20 dicembre.
“Il 70% dei lavoratori è fermo dal 2 dicembre, sono rimaste solo pochi per la manutenzione e gli inventari – spiega Angelo Paternò della segreteria provinciale Fiom Cgil – riprenderemo il 7 gennaio e la priorità sarà il mantenimento degli accordi di aprile”.
L'accordo, siglato dopo una lunga mobilitazione, prevedeva il mantenimento del livello occupazionale (si temevano 90 esuberi, ndr) fino a tutto il 2015 e l'utilizzo dei contratti di solidarietà.
I sindacati non nascondono però il timore per la presentazione del nuovo piano industriale la fine di gennaio. Il gruppo Kme si sta ristrutturando a livello europeo e recentemente è stato venduto uno stabilimento in Inghilterra. “Per quanto riguarda l'Italia al momento non ci sono novità sugli stabilimenti di Serravalle e di Fornaci di Barga. Ma non è escluso che la riorganizzazione possa riguardare anche Kme Italia”.
La scorsa settimana, in un incontro nella sede centrale dell'azienda, sono stati illustrati i risultati del gruppo: “nonostante tutto c'è stato un lieve miglioramento del fatturato, ma si registra una netta caduta del business nel settore tubi rame – spiega Paternò – Il prodotto sanitario risulta superato da altri materiali”. Tiene, invece, la produzione di barre d'ottone.
“Purtroppo non vediamo molti miglioramenti. Attendiamo la presentazione del piano industriale e di capire se l'azienda ha in progetto alternative alla produzione dei tubi rame”. Margini per nuove “mosse” ci potrebbero essere: i lavorati industriali o l'utilizzo di materiali alternativi per la produzione di sanitari. Tutto rinviato a gennaio, in ogni caso.
23/12/2013
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus



Primo cogresso provinciale Uil Tucs dopo 4 anni
Primo cogresso provinciale Uil Tucs dopo 4 anni
Il rap di Kaldy e Sr Miind
Il rap di Kaldy e Sr Miind
Basaluzzo, festa di Carnevale in parrocchia
Basaluzzo, festa di Carnevale in parrocchia
Salvini all'Ilva
Salvini all'Ilva
Festa degli anniversari
Festa degli anniversari
La villa di Pessino
La villa di Pessino
Visita pastorale, le immagini
Visita pastorale, le immagini