Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Provincia

LInps e la Busta arancione

In questi giorni lInps ha iniziato a recapitare a un primo gruppo di lavoratori (circa 150.000) la cos detta Busta arancione, un plico contenente vari documenti con i quali lIstituto anticipa al lavoratore la sua presumibile futura decorrenza pensionistica e limporto previsionale che si stima potr essere erogato a quella data
PROVINCIA - In questi giorni l’Inps ha iniziato a recapitare a un primo gruppo di lavoratori (circa 150.000) la così detta “Busta arancione”, un plico contenente vari documenti con i quali l’Istituto anticipa al lavoratore la sua presumibile futura decorrenza pensionistica e l’importo previsionale che si stima potrà essere erogato a quella data. Nei prossimi mesi riceveranno la Busta arancione circa 7 milioni di lavoratori dipendenti privati e autonomi e più avanti anche un milione e mezzo di lavoratori pubblici. Si tratterebbe di quei lavoratori che a oggi non hanno attivato il PIN ed effettuato accesso ai servizi di simulazione pensionistica (“La mia pensione”) messi a disposizione sul sito dell’Inps.

L’Inps ha creato questo strumento soprattutto per aumentare la conoscenza e la consapevolezza dei lavoratori, maggiormente quelli più giovani e lontani dalla pensione, sulla propria posizione contributiva e sul livello di tutela che questa potrà assicurare al verificarsi degli eventi tutelati dalla legge (vecchiaia, invalidità e disoccupazione su tutti) e ad attivarsi per tempo nella costruzione di una copertura previdenziale complementare. 

Va però ricordato che la proiezione operata dall’Inps viene effettuata sulla base dei contributi finora registrati utili ai fini del diritto e della misura (la busta contiene l’estratto conto aggiornato), e dell’ulteriore contribuzione futura che si stima verrà accreditata sulla posizione assicurativa della persone, in base al suo attuale profilo lavorativo, fino alla data di pensionamento. Ma queste stime non possono che avere valore ampiamente approssimativo, e questo lo sottolinea lo stesso Istituto nella parte in cui avverte il lavoratore che l’importo futuro della pensione ottenuto in maniera automatica “non ha alcun valore certificativo”, quindi non vincola ad alcuna responsabilità e tantomeno ad erogare poi al lavoratore quanto indicato nella busta. L’esito delle proiezioni dipende da molti e complessi parametri ed elementi che possono variare nel tempo e incidere sulla decorrenza e sul calcolo dell’importo pensionistico come ad esempio: l’andamento dell’economia italiana, la storia lavorativa della persona e dinamica delle sue future retribuzioni, l’andamento delle aspettative di vita, le eventuali future riforme pensionistiche. Ebbene tutte queste previsioni potrebbero per una serie di motivi essere disattese nell’arco della futura vita lavorativa della persona, che potrebbe ad esempio andare incontro ad eventi quali la perdita del posto di lavoro e quindi la conseguente interruzione della carriera contributiva, la riduzione del reddito, l’accesso a part-time, un trasferimento all’estero, il verificarsi di un evento di malattia, ecc.

Tante variabili e imprevisti di cui si deve tenere conto nel leggere e dare il dovuto peso, attendibilità e credibilità ai dati e importi forniti dall’Inps, soprattutto se si tratta di fasce di lavoratori giovani lontani dalla pensione.

E’ evidente che l’operazione attivata dall’Inps, e l’esposizione tra i dati di simulazione comunicati sollecita il lavoratore stesso a una maggiore consapevolezza e attenzione sulla necessità di attivarsi per la costruzione di un proprio futuro previdenziale più sostenibile.


Nella provincia di Alessandria sono presenti i seguenti sportelli del Patronato ACLI presso cui è possibile rivolgersi per ulteriori informazioni:

Sede Provinciale di ALESSANDRIA Via Faà di Bruno 79 -15121 Alessandria Tel. 0131/25.10.91 - Cell. 333.29.94.285

Sede Zonale di CASALE MONFERRATO Via Mameli, 65 -15033 Casale Monferrato Tel. 0142/41.87.11 - Cell. 366.54.93.82

Sede Zonale di TORTONA Via Emilia 244 -15057 Tortona Tel. 0131/81.21.91 - Cell. 333.29.94.285

Sede Zonale di NOVI LIGURE Via P. Isola 54/56 -15067 Novi Ligure Tel. 0143/74.66.97 - Cell. 331.57.46.362

Segretariato Sociale di VALENZA c/o Comunità Parrocchiale Via Pellizari 1 -15048 Valenza Tel. 0131/94.34.04 – Cell. 392.70.51.519

Segretariato Sociale di ACQUI TERME Via Nizza 60/B - 15011 Acqui Terme Tel. 345.16.19.239
21/05/2016
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus



La Maddalena in video
La Maddalena in video
La Barbera Incontra 2018 - Tre giorni di Musica, spettacolo, dibattiti e divertimento
La Barbera Incontra 2018 - Tre giorni di Musica, spettacolo, dibattiti e divertimento
Maddalena, visita virtuale
Maddalena, visita virtuale
La Barbera Incontra 15-16-17 giugno 2018 San Damiano d'Asti
La Barbera Incontra 15-16-17 giugno 2018 San Damiano d'Asti
Valditerra e Caffè Gel, cena gourmet
Valditerra e Caffè Gel, cena gourmet
Focaccia novese, è record!
Focaccia novese, è record!
Verso la focaccia dei record
Verso la focaccia dei record