Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Economia e lavoro

Un bando per "educare bene, crescere meglio”

Dalla Compagnia di San Paolo un bando per sostenere iniziative che promuovano il contrasto alla dispersione scolastica attraverso offerte educative in orario extrascolastico
ECONOMIA - Il bando “Stiamo tutti bene: educare bene, crescere meglio” mantiene le stesse finalità e ambiti di intervento dell'edizione 2015, ovvero si propone di sostenere iniziative che promuovano il contrasto alla dispersione scolastica attraverso offerte educative in orario extrascolastico rivolte a bambini e adolescenti da 6 a 14 anni e attraverso interventi volti a promuovere una maggiore responsabilità ed efficacia dei genitori e delle famiglie nella relazione educativa con bambini e ragazzi. La presente edizione è arricchita della collaborazione con il Programma Torino e le Alpi, al fine di contrastare l'isolamento dei bambini e dei ragazzi che abitano in territori montani.

In sintesi le novità principali rispetto all'edizione 2015 riguardano:
• la creazione di una graduatoria specifica per le iniziative che si svolgeranno in Comuni montani
• l’assegnazione di una priorità, fra le attività ammissibili, ai progetti che prevedano iniziative di educazione alla cittadinanza attiva
• l’esclusione di progetti che si realizzino nella Città di Torino, in considerazione del rilevante numero di iniziative già attive sul territorio della Città di Torino e promosse dalla Compagnia di San Paolo (con particolare riferimento al progetto “Provaci ancora, Sam!” e ad altre iniziative di prossima attuazione in orario extrascolastico)
• l’attenzione agli interventi capaci di coinvolgere le biblioteche comunali e valorizzarne il ruolo all'interno dei progetti.

Il bando si pone pertanto i seguenti obiettivi:
• Contribuire alla crescita armonica dei bambini e dei ragazzi, sostenendo percorsi che concorrano a prevenire la dispersione scolastica
• Promuovere partenariati ampi tra scuole, istituzioni, organizzazioni della società civile e altri soggetti del territorio
• Promuovere il coinvolgimento attivo delle famiglie e sostenere il loro ruolo educativo Contrastare l’isolamento dei bambini e dei ragazzi residenti in comuni montani, anche attraverso iniziative in cui gli stessi siano protagonisti nella conoscenza e valorizzazione del proprio territorio.

Attività ammissibili
Sono ammissibili progetti che si svolgono in orario extrascolastico rivolti a bambini e ragazzi di età compresa tra 6 e 14 anni. Le attività ammissibili possono riguardare a titolo esemplificativo, ma non esaustivo, interventi nel settore sportivo, di stimolo alla creatività e ai linguaggi artistici, ricreativo e culturale, di accompagnamento allo studio, di promozione della cittadinanza attiva, di educazione all’affettività, di promozione della salute e del benessere. Sono altresì ammissibili iniziative che prevedano in modo mirato interventi di sostegno alla genitorialità. È aperta la possibilità di presentare progetti coerenti con le finalità del presente invito anche in ambiti non specificati sopra, ma che dimostrino in ogni caso effetti evidenti rispetto agli obiettivi proposti dal bando.
Nell’esame delle richieste di contributo che prevedranno azioni in territori montani, sarà anche considerata favorevolmente la capacità del progetto di promuovere legami significativi tra i bambini e i ragazzi e il territorio in cui vivono e le persone che lo abitano, attraverso il collegamento con le tradizioni e i saperi specifici e con la scoperta dei paesaggi.
Le attività oggetto delle proposte dovranno essere frutto di una progettazione congiunta fra vari soggetti del territorio, che si impegnano a realizzare insieme quanto proposto. Tra questi soggetti dovranno risultare partner dell’iniziativa anche istituti scolastici pubblici per i quali dovrà essere previsto un ruolo attivo nell’ambito del progetto. Verranno tenute in particolare considerazione le iniziative frutto di una progettazione che coinvolga attivamente anche famiglie o associazioni di genitori e famiglie.

Destinatari delle attività
La Compagnia di San Paolo sosterrà progetti che coinvolgeranno, quali destinatari, bambini e adolescenti di età compresa tra i 6 e 14 anni. Verranno altresì sostenuti interventi rivolti ai genitori e alle famiglie.

Tempistica delle attività proposte
Le iniziative dovranno riguardare attività realizzate nel periodo compreso tra ottobre 2016 e dicembre 2017.

Soggetti ammissibili e requisiti di ammissibilità
Come da regolamento vigente non potranno essere beneficiari di contributo enti aventi fini di lucro, imprese di qualsiasi natura (con eccezione delle imprese strumentali, delle imprese sociali di cui al decreto legislativo 24 marzo 2006, n. 155, e delle cooperative sociali di cui alla legge 8 novembre 1991, n. 381 e successive modificazioni), persone fisiche.
Le attività oggetto della richiesta dovranno essere realizzate sul territorio della Regione Piemonte e della Città Metropolitana di Genova (ex Provincia di Genova).
La richiesta di contributo non può essere superiore al 75% dei costi totali del progetto, pena l’inammissibilità della proposta. Alla copertura del restante 25% potranno concorrere autofinanziamenti, contributi pubblici e/o privati, donazioni di beni, prestazioni di servizi pro bono, linee di credito, ecc.
Non potrà essere valorizzata l’attività di volontariato non riconducibile a una prestazione professionale pro bono.

Sono inoltre previsti i seguenti requisiti:
I progetti devono necessariamente essere in partenariato. Per progetto in partenariato si intende un intervento realizzato congiuntamente da un soggetto “capofila” e da una o più organizzazioni “partner”. Si richiede che i rapporti tra capofila e partner di progetto vengano definiti in termini di ruoli, partecipazione economica, utilizzo delle risorse in fase di progettazione degli interventi.

Budget e spese ammissibili
Si ipotizza come tetto massimo erogabile per ogni iniziativa approvata nel presente bando € 15.000, limite tuttavia non vincolante e che potrà essere rivisto sulla base di specifiche esigenze che saranno ritenute coerenti e adeguate.
I costi ammissibili includono spese per personale o collaboratori, affitto di locali, acquisto di attrezzature o materiali (i costi relativi a questa ultima voce non potranno superare un massimo del 15% del budget totale), rimborsi spese a volontari (secondo quanto previsto dalla normativa), acquisto di servizi, costi di comunicazione e diffusione, spese per piccoli adeguamenti strutturali (i costi relativi a questa ultima voce non potranno superare un massimo del 20% del budget totale ).

Link al bando in originale e modalità di presentazione delle agevolazioni:
http://www.compagniadisanpaolo.it/ita/News-contributi/Bando-Stiamo-tutti-bene-educare-bene-crescere-meglio
Per info

LAMORO scarl
Via Leopardi, 4 14100 Asti
0141 532516
info@lamoro.it
10/05/2016
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus



Operazione dei carabinieri
Operazione dei carabinieri
Porte aperte al Marenco
Porte aperte al Marenco
Monile Viaggi: Creiamo esperienze
Monile Viaggi: Creiamo esperienze
Maurizio Landini alla Festa d'Aprile
Maurizio Landini alla Festa d'Aprile
Parco Euronovi
Parco Euronovi
Porte aperte al Marenco
Porte aperte al Marenco
Nuovo allestimento per “I Percorsi dell’Arte” dedicato a Carlo Carrà
Nuovo allestimento per “I Percorsi dell’Arte” dedicato a Carlo Carrà