Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Novi Ligure

Dopo novant'anni cambia casa la pi antica trattoria della citt

Dopo quasi novant'anni cambia casa la pi antica osteria della citt: la Trattoria dell'Angelo, aperta nel 1930 a Novi Ligure, ha traslocato. Il titolare Giovanni Barisone promette: "La tradizione si rispetta"
NOVI LIGURE – Dopo quasi novant’anni cambia casa la più antica osteria della città: la Trattoria dell’Angelo, aperta negli anni Trenta in via Ovada 21 a Novi Ligure, da questa settimana ha traslocato a qualche centinaia di metri di distanza, nei locali che fino a poco tempo fa ospitavano la pizzeria Gambero d’Oro. «“L’Angelo” è più antica osteria ancora operante a Novi – spiega l’attuale titolare, il 53enne Giovanni Barisone [nella foto] – ed è la seconda attività di ristorazione in quanto ad anzianità, dopo l’albergo della Corona» le cui origini affondano nel Settecento.

Barisone, molto noto in città anche per la sua attività di assicuratore, gestisce l’Angelo da ormai quattordici anni e promette che nonostante il trasloco non cambierà la formula magica elaborata fin dal 1930 dalla prima proprietaria Luigia Ercole: «Cucina tradizionale del territorio, ambiente semplice e cordialità». I coperti saranno una novantina, cui si aggiungono 14 stanze per il pernottamento; sei i collaboratori del titolare.

Primo appuntamento di rilievo sabato 26 gennaio, con gli aderenti al gruppo “Parlemu in dialetu id Nove”, che non poteva non scegliere per il pranzo sociale la Trattoria dell’Angelo, vero e proprio simbolo della novesità.
Un locale più spazioso farà da preludio a un ampliamento delle attività? «Il forno per le pizze c’è, ma per ora rimarrà tutto invariato», dice Barisone che ha un figlio di 18 anni e una figlia di 20. «In futuro, saranno loro a decidere se proseguire lungo la strada che ho tracciato».

Edit.: Ci viene segnalato da fonte autorevole che nel 1834 Andrea Gatto apriva in città una osteria nei locali attualmente occupati dalla pizzeria Cavour, nell'omonima via del centro storico. L'osteria (che si chiamava Leon d'Oro, nome poi ripreso da un noto albergo e dopo ancora dal motel che oggi sorge in zona Ilva) cambiò diverse gestioni e denominazioni, fino ad arrivare a quella attuale, negli anni Settanta del Novecento.
15/01/2019
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus



Operazione dei carabinieri
Operazione dei carabinieri
Porte aperte al Marenco
Porte aperte al Marenco
Monile Viaggi: Creiamo esperienze
Monile Viaggi: Creiamo esperienze
Maurizio Landini alla Festa d'Aprile
Maurizio Landini alla Festa d'Aprile
Parco Euronovi
Parco Euronovi
Porte aperte al Marenco
Porte aperte al Marenco
Nuovo allestimento per “I Percorsi dell’Arte” dedicato a Carlo Carrà
Nuovo allestimento per “I Percorsi dell’Arte” dedicato a Carlo Carrà