Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Alessandria

Il Festival della prevenzione e innovazione in oncologia fa tappa ad Alessandria

Da sabato 16 a lunedì 18 giugno la città diventa la capitale della lotta al cancro e ospita il tour dell’Associazione Italiana di Oncologia Medica. Nel motorhome in piazza della Libertà i medici forniranno consigli e informazioni su prevenzione, innovazione terapeutica e ricerca.
ALESSANDRIA - L’Associazione Italiana di Oncologia Medica (Aiom) organizza in varie città d’Italia il Festival della prevenzione e dell’innovazione in oncologia, con l’obiettivo di spiegare ai cittadini il nuovo corso della lotta al cancro. È un progetto unico nel suo genere - il primo in Europa - con iniziative che si svolgono in collaborazione con le istituzioni locali e regionali, con la partecipazione di oncologi, testimonial e rappresentanti di enti e associazioni.

Dal 16 al 18 giugno sarà la città di Alessandria a ospitare il Festival della prevenzione oncologica, con il motorhome messo a disposizione dall’Aiom allestito in piazza della Libertà, dove medici ed esperti forniranno ai cittadini consigli e informazioni sulla prevenzione e sui progressi della ricerca in campo oncologico, e con tutta una serie di eventi collaterali come conferenze, presentazioni e tavole rotonde in programma a Palazzo del Monferrato, che faranno da corollario al momento principale della manifestazione, quello informativo.

“Il cancro è una malattia complessa e temibile, che nella popolazione generale riguarda una persona su tre – spiega Gianmauro Numico, direttore Oncologia Medica dell’Ospedale di Alessandria – Si stima che circa il 40% dei tumori potrebbero non insorgere se si riuscisse a intervenire con efficacia e in modo esteso sulle abitudini di vita. Il fumo, il sovrappeso, la scarsa attività fisica e le errate abitudini alimentari sono tra i fattori più importanti”.

È proprio grazie ai passi in avanti sul piano della prevenzione e dei trattamenti che oggi in Italia non si parla più di male incurabile, con il 60% dei pazienti che riesce a sconfiggere la malattia: accanto alle armi tradizionali (chirurgia, radioterapia e chemioterapia) ci sono a disposizione terapie innovative molto efficaci, come le terapie a bersaglio molecolare e l’immunoterapia, che permettono di migliorare la sopravvivenza a lungo termine con una buona qualità di vita. Ma è comunque fondamentale promuovere campagne di prevenzione a 360 gradi rivolte a tutte le fasce della popolazione: dai corretti stili di vita, agli screening, fino al reinserimento nel mondo del lavoro.

“Gli operatori sanitari di Alessandria e della provincia – continua il dottor Numico – impegnati quotidianamente nella diagnosi e nella cura dei tumori, insieme a pazienti, associazioni, cittadini si mettono a disposizione per raccontare il mondo dell’oncologia, per offrire suggerimenti e consentire a tutti di conoscere un po’ di più gli strumenti per prevenire il cancro, per diagnosticarlo tempestivamente e per curarlo nel modo più efficace”.

Negli ultimi tre anni, le diagnosi di tumore in Piemonte sono aumentate del 9,8%. Nel 2017 nella Regione sono stati registrati 30.900 nuovi casi (16.200 uomini e 14.700 donne), mentre nel 2015 le stime erano pari a 28.128 (16.100 uomini e 12.028 donne): una tendenza che rispecchia quella nazionale, con un andamento stabile delle nuove diagnosi fra gli uomini e un incremento fra le donne. Fra i piemontesi i tumori più frequenti sono quelli del colon retto (4.350), seno (4.200) e polmone (3.500). La sopravvivenza a 5 anni dalla diagnosi è in linea con la media nazionale, raggiunge infatti il 63% fra le donne e il 53% fra gli uomini (in Italia rispettivamente 63% e 54%). Queste sono le cifre raccolte nel volume I numeri del cancro in Italia 2017 realizzato dall’Associazione Italiana di Oncologia Medica con l’Associazione Italiana Registri Tumori, presentato a Torino lo scorso mese di febbraio.

Nella nostra Regione, inoltre, serve uno sforzo maggiore per tutelare la salute e raggiungere il grado di prevenzione necessario a evitare l’aumento dei casi: il 33,4% dei piemontesi è sedentario, il 28,4% è in sovrappeso e l’8% obeso; i fumatori sono il 24,2% della popolazione e il consumo a rischio di alcol riguarda il 19,1% dei cittadini.

Durante gli appuntamenti del Festival della prevenzione e dell'innovazione in oncologia sono previsti incontri con esperti guidati da giornalisti, dimostrazioni pratiche di buoni stili di vita, testimonianze e racconti. Gli specialisti oncologi degli ospedali di Alessandria e della Provincia saranno a disposizione per momenti informativi con chiunque voglia avere informazioni di dettaglio e sulle nuove armi in grado di sconfiggere la malattia o di aumentare la sopravvivenza. L'invito a partecipare è per tutti: pazienti, associazioni, familiari e cittadini di ogni età.

Per info: www.aiom.it.
6/06/2018
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus



Passodopopasso Attraverso i miei occhi - Un aiuto per Karoona
Passodopopasso Attraverso i miei occhi - Un aiuto per Karoona
Intervista doppia... con il nonno
Intervista doppia... con il nonno
Valditerra e Caffè Gel, cena gourmet
Valditerra e Caffè Gel, cena gourmet
Focaccia novese, è record!
Focaccia novese, è record!
Verso la focaccia dei record
Verso la focaccia dei record
L’originale Consorzio "Gli Ambulanti di Forte dei Marmi" ad Arquata Scrivia domenica 10 giugno
L’originale Consorzio "Gli Ambulanti di Forte dei Marmi" ad Arquata Scrivia domenica 10 giugno
Golf e auto storiche, due successi
Golf e auto storiche, due successi