Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Novi Ligure

Anche Novi è storia: tre lezioni sulle chiese cittadine

Prende il via a Novi Ligure il nuovo corso di storia locale, organizzato dall'associazione FormaCivicaNovi con la collaborazione della Cisl. Il tema scelto quest'anno riguarda le chiese cittadine
NOVI LIGURE – Parte oggi a Novi Ligure il nuovo corso di storia locale, organizzato dall’associazione FormaCivicaNovi con la collaborazione della Cisl. Il tema scelto quest’anno riguarda le chiese cittadine: un patrimonio storico-artistico di valore che la Chiesa Cattolica, nei limiti del possibile, sta tenendo aperto a tutti, credenti e non credenti, e che, grazie ai docenti del corso, sarà possibile conoscere e apprezzare ancora di più.

Il corso prenderà il via oggi, venerdì 12 ottobre, alle 17.30 presso la sede della Cisl in via Solferino, e proseguirà anche il 19 e il 26 ottobre, nel medesimo orario e luogo. La partecipazione è gratuita, info formacivicanovi@gmail.com.

Il primo incontro, quello di oggi, tenuto da Andrea Scotto, sarà un “ripasso” sui fondamentali della storia della città: un incontro aperto a tutte e tutti, ma pensato espressamente per i neo scritti in modo da poter partecipare, a parità di conoscenze, ai due successivi.

Il 19 ottobre Carlo Prosperi e Carlo Bianchi, membri della Società di Storia, Arte e Archeologia per le province di Alessandria e Asti, esperti ricercatori dell’Archivio di Stato di Alessandria, parleranno di “Artisti fiamminghi tra Alessandria, Tortona e Novi Ligure”, raccontando un capitolo poco conosciuto della nostra storia dell’arte di epoca rinascimentale.

Il 26 ottobre Carlo Prosperi e Carlo Bianchi concluderanno il loro racconto con “Le nostre Chiese: storie riemerse dalle carte dei notai antichi": una miscellanea di notizie, progetti, disegni tratti dall’Archivio Notarile di Novi Ligure (ora custodito ad Alessandria) per il tardo Rinascimento e l’epoca Barocca, che poi i partecipanti al corso, in una sorta di “caccia al tesoro”, aiuteranno a collocare nella città tra le opere d’arte superstiti, quelle trasferite in altro luogo e quelle irrimediabilmente perdute.

«Il corso è stato pensato per aumentare la consapevolezza della bellezza e dell’importanza artistica non solo delle opere d’arte che tuttora conserviamo in città, ma anche di quelle perdute per eventi bellici e per l’evoluzione degli stili architettonici e decorativi – spiegano gli organizzatori – Il tutto per riportare Novi Ligure, la sua storia millenaria e le sue opere d’arte alla centralità che esse meritano, in uno sguardo di ampio respiro, non limitato ai soli Ottocento e Novecento».
12/10/2018
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus



Cinquant'anni di Amaldi
Cinquant'anni di Amaldi
Maurizio Vandelli in concerto al Festival Contro 2018
Maurizio Vandelli in concerto al Festival Contro 2018
Ponte Morandi, tir sequestrati
Ponte Morandi, tir sequestrati
Gavi, le foto vincitrici
Gavi, le foto vincitrici
Fai, Novi è delegazione
Fai, Novi è delegazione
Manifestazione Iperdì
Manifestazione Iperdì
Incidente sulla statale
Incidente sulla statale