Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Arquata Scrivia

Alla Juta va in scena la famiglia perfetta. O quasi...

Una commedia dialettale in tre atti allieterà il sabato sera di Arquata Scrivia. Il teatro della Juta ospiterà la Compagnia del Barchì in "I Bruciamonti". Apparentemente si tratta di una famiglia normale, ma le premesse per il disastro ci sono tutte...
ARQUATA SCRIVIA – Una commedia dialettale in tre atti allieterà il sabato sera di Arquata Scrivia. Il 18 novembre, alle 21.00, il teatro della Juta di via Buozzi ospiterà la Compagnia del Barchì in “I Bruciamonti” (ingresso 10 euro, fuori abbonamento).

Apparentemente si tratta di una famiglia normale, almeno così vorrebbe il capofamiglia Giorgio Bruciamonti, che però ogni giorno è costretto a sopportare le manie delle figlie. Norma crede di essere una cantante e Gioconda pensa solo alla pallavolo, tutte e due sostenute dalla madre Aida. E poi c’è il nonno, fissato per la lirica, e la cameriera Medea che riesce sempre a combinare guai. Così, quando a casa Bruciamonti arriva un cronista del programma “Le belle famiglie d’Italia”, le premesse per il disastro ci sono tutte…

In scena: Carlo Bassano, Maria Teresa Zanutto, Francesca Giordano, Antonella Motto, Claudio Bottaro, Gabriele Bianchi, Andrea Bernuzzi e Danila Nieddu.
Il prossimo appuntamento della stagione al teatro della Juta è in programma venerdì 1° dicembre con lo spettacolo “Salario” di Gualtiero Burzi e Mauro Pescio.
13/11/2017
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus



Operazione dei carabinieri
Operazione dei carabinieri
Porte aperte al Marenco
Porte aperte al Marenco
Monile Viaggi: Creiamo esperienze
Monile Viaggi: Creiamo esperienze
Maurizio Landini alla Festa d'Aprile
Maurizio Landini alla Festa d'Aprile
Parco Euronovi
Parco Euronovi
Porte aperte al Marenco
Porte aperte al Marenco
Nuovo allestimento per “I Percorsi dell’Arte” dedicato a Carlo Carrà
Nuovo allestimento per “I Percorsi dell’Arte” dedicato a Carlo Carrà