Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Novi Ligure

Dal Rotary un regalo a tutte le quarantenni: la prima mammografia

Un contributo importante per la salute di ogni donna: a tutte le nate nel 1979, i Rotary Club di Novi Ligure e Gavi-Libarna offriranno gratuitamente una mammografia bilaterale, un fondamentale strumento di screening
NOVI LIGURE – Un contributo importante per la salute di ogni donna, un dono speciale per i quarant’anni di vita: a tutte le nate nel 1979, i Rotary Club di Novi Ligure e Gavi-Libarna offriranno gratuitamente una mammografia bilaterale, un fondamentale strumento di screening per individuare precocemente il tumore al seno.

Le residenti nei Comuni del territorio di riferimento dei due club – Arquata, Gavi, Novi, Serravalle, oltre a tutte le valli Borbera, Lemme e Spinti – potranno fissare direttamente un appuntamento con lo studio radiologico Foco di via Raggio 87 a Novi Ligure (tel. 366 2620500, dal lunedì al venerdì, dalle 8.00 alle 16.00). «Basterà recarsi a eseguire l’esame radiologico munite di carta di identità e successivamente portare l’esito al proprio medico di famiglia, che lo valuterà», spiegano Valentina Filz e Francesco Mignone, presidenti rispettivamente dei Rotary Club di Novi e di Gavi.

Il progetto, denominato “Io donna” prenderà il via giovedì e proseguirà fino a settembre. Il tumore della mammella resta la prima causa di morte per le donne italiane ed è il più diagnosticato in Piemonte. La curva di aumento inizia a impennarsi proprio nella decade che inizia a quarant’anni. Ci si ammala un po’ di più ma si muore un po’ di meno, quindi, si guarisce un po’ di più a patto che la diagnosi sia precoce. Per questo i due Rotary Club si sono attivati per offrire la prima mammografia alle donne che quest’anno compiono 40 anni, così come suggeriscono le linee guida internazionali di prevenzione oncologica e come suggeriva anche Umberto Veronesi.

Attualmente in tutto il Piemonte è attivo il progetto “Prevenzione serena”, con la mammografia annuale dai 45 ai 50 anni e poi biennale dai 50 ai 69 anni, a cui le donne residenti sono invitate con lettera personale. «Ma l’educazione alla prevenzione inizia presto e dovrebbe essere un’abitudine per ciascun cittadino», ricordano Filz e Mignone.
15/05/2019
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus



Operazione dei carabinieri
Operazione dei carabinieri
Porte aperte al Marenco
Porte aperte al Marenco
Monile Viaggi: Creiamo esperienze
Monile Viaggi: Creiamo esperienze
Maurizio Landini alla Festa d'Aprile
Maurizio Landini alla Festa d'Aprile
Parco Euronovi
Parco Euronovi
Porte aperte al Marenco
Porte aperte al Marenco
Nuovo allestimento per “I Percorsi dell’Arte” dedicato a Carlo Carrà
Nuovo allestimento per “I Percorsi dell’Arte” dedicato a Carlo Carrà