Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Novi Ligure

La Gran fondo 'Dolci Terre', classica del ciclismo amatoriale

Poche variazioni rispetto alla rivoluzione dell’anno passato. Due percorsi, uno lungo di 130 km ed uno più breve di 96. Quasi 1500 partecipanti, oltre 200 volontari coinvolti nell'organizzazione dell'evento
NOVI LIGURE - Domenica 15 alle 10 davanti al Museo dei Campionissimi, il via della Gran fondo «Dolci Terre di Novi», prova per ciclisti amatori che vuole essere un omaggio alla vocazione del territorio per le due ruote. Non a caso la gara unisce il ciclismo ai prodotti che hanno reso famosa Novi, quelle Dolci Terre che danno il nome della prova la cui partenza davanti al museo dedicato a Coppi e Girardengo è sinonimo di un legame che passa dalle due ruote senza motore.

Poche variazioni rispetto alla rivoluzione dell’anno passato: due i percorsi ma se la gran fondo supera i 130 chilometri (arrivi previsto tra le 13,30 e le 14) quello più breve arriva quasi a 100 chilometri col primo concorrente previsto al traguardo intorno alle 12,30. Protagoniste le colline appenniniche della Val Lemme con tante salite per invogliare gli scalatori a fare il vuoto in una corsa che richiama quasi 1500 partecipanti e oltre 200 volontari che garantiscono la sicurezza dei ciclisti provenienti da tutto il nord Italia.

Il tracciato del medio fondo (96 chilometri) prevede la partenza da Novi per poi toccare in rapida successione Pasturana, Basaluzzo, Francavilla, San Cristoforo, Castelletto D’Orba, Montaldeo, Mornese, Gavi , Serravalle, Arquata, Vignole, Stazzano, Cassano, Serravalle, Novi , Merella , Pozzolo e infine Novi.
Nel Gran Fondo tracciato simile ma dopo una prima parte comune, ad Arquata il percorso più lungo raggiunge Grondona, Roccaforte, Rocchetta, Cantalupo, Pertuso, Borghetto, Vignole, Stazzano, Cassano, Serravalle e infine Novi con arrivo al museo dei Campionissimi. L’arrivo previsto è intorno alle 13,15 a condizione che i ciclisti viaggino a una media di 40 chilometri orari, un ritmo quasi sempre tenuto nel passato salvo quando le condizioni climatiche non lo hanno permesso.
11/04/2018
Maurizio Iappini - sport@alessandrianews.it
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus



Maurizio Vandelli in concerto al Festival Contro 2018
Maurizio Vandelli in concerto al Festival Contro 2018
Cristiano De Andr? apre il Festival contro 2018 a Castagnole Lanze
Cristiano De Andr? apre il Festival contro 2018 a Castagnole Lanze
Fai, Novi è delegazione
Fai, Novi è delegazione
Manifestazione Iperdì
Manifestazione Iperdì
Incidente sulla statale
Incidente sulla statale
Biodigestore Carentino: il presidio contro il progetto durante la Conferenza dei Servizi
Biodigestore Carentino: il presidio contro il progetto durante la Conferenza dei Servizi
Pattinaggio artistico Aurora
Pattinaggio artistico Aurora