Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Novi Ligure

L'arte di Enzo Buarné rivive al teatro Giacometti con "La mia Bohème"

A poco più di un anno dalla sua scomparsa, andrà in scena al Giacometti di Novi Ligure l'opera prima di Enzo Buarné: "La mia Bohème". Un testo che rappresenta il manifesto teatrale dell'autore, rimasto a lungo celato. Sul palco i protagonisti saranno Laura Gualtieri e Andrea Robbiano (scenografie di Francesca Mazzarello)
NOVI LIGURE – A poco più di un anno dalla sua scomparsa, andrà in scena al Giacometti di Novi Ligure l’opera prima dell’attore, regista e autore teatrale Enzo Buarné: “La mia Bohème”. Sul palco, stasera, sabato 18 marzo (ore 21.00), i protagonisti saranno Laura Gualtieri e Andrea Robbiano. Lei, la moglie del compianto fondatore del Teatro del Rimbombo; lui, suo «fratello di teatro e di chiacchiere poetiche».
Si tratta del «manifesto teatrale di Enzo Buarné, il suo primo spettacolo. Un concentrato del suo genio e una promessa artistica per la vita», commenta Robbiano.

Un testo – quello de “La mia Bohème”, che esordirà con le scenografie di Francesca Mazzarello – rimasto chiuso per anni nel cassetto dei copioni. «Enzo ne ha scritte tante di cose e in tutte si metteva dentro in uno dei personaggi camuffando il resto di colori, favole, fumetti... E lui, Eresio solitamente, veniva fuori come quei personaggi che guardano fuori dal quadro scanzonati e con ironia e riportano gli altri in connessione col mondo. Ma qui è diverso, qui ha regalato le sue debolezze, i suoi inciampi, i suoi compromessi», scrive Laura Gualtieri.

Per anni il copione è rimasto nascosto. «Enzo Buarné non lo aveva letto nemmeno ad Andrea Robbiano... Glielo aveva solo accennato e pudicamente deviava il tiro e cambiava sogno – ricorda ancora l’attrice compagna di vita dell’autore – Io e Andrea non abbiamo avuto dubbi che era questo il momento di tirare fuori la giovinezza di questo fantastico poeta un po’ triste e un po’ scanzonato... E così sabato vi raccontiamo questo suo diario, questo suo manifesto». «Se venite, magari, potreste assistere a un piccolo miracolo», chiosa Andrea Robbiano.

Enzo Buarné e Laura Gualtieri nel 1990 hanno fondato l’associazione culturale Teatro del Rimbombo, con decine di spettacoli al proprio attivo, e nel 1994 i due hanno dato vita a una scuola di teatro che con il trascorrere degli anni ha fatto germogliare nell’alessandrino i semi di una nuova e intensa passione per il palcoscenico. Ospitato dapprima a Castelletto d’Orba, l’associazione ha festeggiato i 25 anni di attività con il trasferimento a Castelnuovo Bormida, nella chiesa della Madonna del Santo Rosario, un edificio sconsacrato che è stato trasformato in una intima sala teatrale, il “Teatro del Bosco Vecchio”, oggi ribattezzato “Piccolo teatro Enzo Buarné”.
18/03/2017
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus


Pino Daniele, "Maronna mia"
Pino Daniele, "Maronna mia"
Intervista a Milena Vukotic, Lucia Poli, Maril? Prati "Le Sorelle Materassi"
Intervista a Milena Vukotic, Lucia Poli, Maril? Prati "Le Sorelle Materassi"
Una grande Novese in rimonta
Una grande Novese in rimonta
Nuovo cinema, il progetto
Nuovo cinema, il progetto
La festa degli sposini novesi
La festa degli sposini novesi
Esplosione a Novi Ligure
Esplosione a Novi Ligure
Gavi, trovato morto nel furgone
Gavi, trovato morto nel furgone