Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Lavoro

Figli con disabilità il congedo parentale è più lungo

Per i genitori, soprattutto se lavoratori, con la nascita di un figlio il tempo non è mai abbastanza, così come sembrano non essere sufficienti i periodi durante i quali è possibile assentarsi dal lavoro

LAVORO - Per i genitori, soprattutto se lavoratori, con la nascita di un figlio il tempo non è mai abbastanza, così come sembrano non essere sufficienti i periodi durante i quali è possibile assentarsi dal lavoro. Come è facilmente comprensibile questo vale ancor di più quando c’è la necessità di prestare le cure di cui ha bisogno un bambino con disabilità.

A tal proposito il Legislatore va in aiuto dei genitori con figli con disabilità mettendo a disposizione uno strumento che forse non tutti conoscono: si tratta della possibilità di prolungare il periodo di assenza facoltativa dal posto di lavoro.

Se infatti il congedo parentale “ordinario” ha una durata massima di 11 mesi complessivi tra madre e padre, di cui solo i primi 6 retribuiti, nel caso di un figlio con disabilità il periodo si può estendere fino a un totale di tre anni, tutti retribuiti al 30% dello stipendio. Per avere diritto e presentare all’Inps la domanda per il prolungamento del congedo parentale è necessario che il bambino:  

• “sia riconosciuto portatore di handicap in situazione di gravità”;
• abbia un’età non superiore ai 12 anni, ma l’età sale a 18 in caso di adozione;
• non sia ricoverato a tempo pieno, ma su questo punto esistono eccezioni.

Quindi per prima cosa al bambino deve essere riconosciuta un’Invalidità e il Certificato per l’accertamento dell’handicap, meglio conosciuto come Legge 104. Per poter ottenere il congedo parentale prolungato sul Certificato dell’handicap deve essere scritto che è stato riconosciuto l’Articolo 3 Comma 3, ovvero l’handicap in situazione di gravità. Con ciò si avrà diritto anche a tutta una serie di agevolazioni lavorative (3 giorni di permesso mensile, scelta sede lavoro, rifiuto trasferimento) e agevolazioni fiscali (abbattimento barriere architettoniche, acquisto ausili, spese per l’assistenza specifica, assistenza personale, acquisto sussidi tecnici e informatici etc.). Se con il Certificato dell’accertamento handicap viene riconosciuto l’Articolo 3 Comma 1 non vi è la situazione di gravitò e quindi si avrà diritto solo all’agevolazione per l’acquisto di sussidi tecnici e informatici.

 

Nella provincia di Alessandria sono presenti i seguenti sportelli del Patronato ACLI presso cui è possibile rivolgersi per ulteriori informazioni: 

Sede Provinciale di ALESSANDRIA  
Via Faà di Bruno 79
Tel. 0131/25.10.91 - Cell. 333.29.94.285 

Sede Zonale di CASALE MONFERRATO  
Via Mameli, 65
Tel. 0142/41.87.11 - Cell. 366.54.93.82 

Sede Zonale di TORTONA 
Via Emilia 244
Tel. 0131/81.21.91 - Cell. 333.29.94.285 

Sede Zonale di NOVI LIGURE 
Via P. Isola 54/56
Tel. 0143/74.66.97 - Cell. 331.57.46.362 

Segretariato Sociale di VALENZA 
c/o Comunità Parrocchiale 
Via Pellizari 1
Tel. 0131/94.34.04 – Cell. 392.70.51.519 

Segretariato Sociale di ACQUI TERME 
Via Nizza 60/B
Tel. 349.97.54.687

18/03/2019
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus



Operazione dei carabinieri
Operazione dei carabinieri
Porte aperte al Marenco
Porte aperte al Marenco
Parco Euronovi
Parco Euronovi
Porte aperte al Marenco
Porte aperte al Marenco
Nuovo allestimento per “I Percorsi dell’Arte” dedicato a Carlo Carrà
Nuovo allestimento per “I Percorsi dell’Arte” dedicato a Carlo Carrà
"Gli Ambulanti di Forte dei Marmi®” ad Alessandria domenica 7 aprile
"Gli Ambulanti di Forte dei Marmi®” ad Alessandria domenica 7 aprile
Incendio al passo della Bocchetta
Incendio al passo della Bocchetta