Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Gavi

Dai ravioli al "moretto": ora anche Gavi ha le sue De.Co

A Gavi sono nove le specialità che si potranno fregiare del marchio di "Denominazione comunale" che contraddistingue i prodotti della tradizione gastronomica locale. Il progetto De.Co è partito da Novi Ligure nel 2010 e si è poi esteso a diversi Comuni che fanno parte del Distretto del Novese
GAVI – Anche Gavi da oggi ha la sua De.Co, il marchio di “Denominazione comunale” che contraddistingue i prodotti della tradizione gastronomica locale. Sono nove le specialità che si potranno fregiare di questo titolo di qualità. Tanto per cominciare due ricette che prevedono l’utilizzo di Gavi Docg: i canestrelli e il risotto. E poi gli amaretti morbidi, i baci di dama, i canestrelletti, le lasagnette della Zerbetta, il gelato moretto, i ravioli e la torta di riso.

Si tratta di prodotti ormai radicati nella tradizione locale. Sui ravioli, la famosa pasta ripiena che si dice essere stata inventata dalla famiglia Raviolo intorno al 1600, ci si potrebbe scrivere un libro. Così come sulla torta di riso, un tipico piatto di festa della borgata di Alice (e non solo) che fino a non molti anni fa era protagonista di una frequentata sagra.
Richiama ricordi più recenti il moretto (un goloso cono gelato ricoperto di cioccolato fuso, prodotto a partire dal 1946 da Matteo Gastaldo, primo proprietario del bar Matteo) o il risotto al Gavi, che fa parte della tradizione del territorio dagli anni Sessanta, quando si cercò un impiego in cucina per il rinomato vino cortese. Risale invece agli anni Settanta la riscoperta a opera di Carletto Bergaglio della ricetta delle lasagnette, che alla Zerbetta si cucinavano con ceci e pancetta.
Ha bisogno di poche presentazioni la pasticceria secca gaviese, come i canestrelli, i canestrelletti, i baci di dama e gli amaretti, tutte prelibatezze che sono note e apprezzate da tempo.

Il progetto De.Co è partito da Novi Ligure nel 2010 con il primo riconoscimento, assegnato ai ceci di Merella, e si è man mano esteso a diverse località del territorio che fanno parte del Distretto del Novese. Dopo la città di Novi – che vanta diversi prodotti De.Co tra cui la focaccia, la farinata, la panissa, il corzetto e il mais ottofile – Gavi è il Comune cui è andato il maggior numero di riconoscimenti.
Tra i Comuni che si fregiano della De.Co ci sono anche Basaluzzo, Cassano Spinola, Francavilla Bisio, Pasturana, Predosa, Tassarolo, Villalvernia e Voltaggio.
6/12/2017
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus



Il gioiello di Cerreto
Il gioiello di Cerreto
Intervista a Marco Lodola e Giovanna Fra all'inaugurazione della loro mostra "Se Stasera Siamo Qui"
Intervista a Marco Lodola e Giovanna Fra all'inaugurazione della loro mostra "Se Stasera Siamo Qui"
Bike Passion
Bike Passion
Villalvernia ricorda le bombe
Villalvernia ricorda le bombe
Amaldi, il plauso del ministro
Amaldi, il plauso del ministro
Enzo Paci a SettimoCielo
Enzo Paci a SettimoCielo
Virgo Fidelis
Virgo Fidelis