Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Novi Ligure

Gianni Caccia, una "Ricerca" interiore sull'Appennino delle Quattro Province

Una raccolta di racconti ambientati anche nella zona appenninica dove cui si incontrano le Quattro Province, luogo del cuore dell'autore: è "Ricerca", l'ultima fatica letteraria di Gianni Caccia, insegnante al liceo Amaldi di Novi Ligure
NOVI LIGURE – Una raccolta composta da tre racconti, ambientati uno in un luogo di fantasia, gli altri due nella zona appenninica in cui si incontrano quattro province di quattro regioni diverse (Alessandria, Pavia, Piacenza, Genova), luogo del cuore dell’autore: è “Ricerca”, l’ultima fatica letteraria di Gianni Caccia, data alle stampe con la Puntoacapo editrice di Pasturana.

La presentazione della raccolta è in programma venerdì 12 ottobre a Novi Ligure, presso la Casa del giovane di via Gagliuffi 1 (ore 21.00). Con l’autore ci saranno l’editore Mauro Ferrari e Andrea Scotto; le letture saranno a cura di Silvia Pelizza.

Gianni Caccia, classe 1962, è insegnante di Lettere al liceo Amaldi di Novi. È redattore della rivista internet di cultura classica “Senecio”, dove ha pubblicato traduzioni e saggi critici. Diversi i volumi già pubblicati: le raccolte di racconti “Aperture” (1994), La stadera (2005), “La Vallemme dentro” (2012), e i libri per ragazzi “Anselmo, il locomotore color pompelmo” (2010), “Le nuove avventure di Anselmo, il locomotore color pompelmo” (2013) e “La formula del bene” (2015).

In “Ricerca”, il primo dei tre racconti ha un’ambientazione e un argomento fantastici: un’immaginaria e inospitale valle alpina fa da teatro alle indagini di un ricercatore su una setta religiosa fiorita solo in quel luogo fino a diventare la religione maggiormente praticata.
Gli altri due racconti sono invece ambientati nella zona appenninica delle Quattro Province e prendono le mosse da una leggenda del luogo secondo cui per quei monti sarebbe passato addirittura Annibale. I due testi hanno inoltre in comune lo stesso protagonista, Konrad Jaeger, un docente in Lettere di origine austriaca che vive tra il basso alessandrino e quella zona appenninica di confine, dove ha la casa delle vacanze.

In “Ricerca”, Caccia ha creato un intreccio di mistero e di razionalità, con un comune denominatore: i protagonisti sono alla continua ricerca di un qualcosa, per lo più sfuggente, che finisce per essere anche e soprattutto una ricerca interiore raramente appagata.
7/10/2018
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus



Cinquant'anni di Amaldi
Cinquant'anni di Amaldi
Maurizio Vandelli in concerto al Festival Contro 2018
Maurizio Vandelli in concerto al Festival Contro 2018
Ponte Morandi, tir sequestrati
Ponte Morandi, tir sequestrati
Gavi, le foto vincitrici
Gavi, le foto vincitrici
Fai, Novi è delegazione
Fai, Novi è delegazione
Manifestazione Iperdì
Manifestazione Iperdì
Incidente sulla statale
Incidente sulla statale