Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Novi Ligure

Girardengo, il primo campionissimo celebrato con una mostra e uno spettacolo

Il 18 marzo il Museo dei Campionissimi di Novi Ligure farà da cornice a una serie di iniziative per celebrare Costante Girardengo. Davide Mancini proporrà lo spettacolo "Costante, la nuvola", impreziosito dalla partecipazione delle Quattro Chitarre. E ci saranno anche i cimeli dei collezionisti
NOVI LIGURE – Prima di Binda. Prima di Bartali. Prima di Gimondi, Merckx e Moser. Prima di Bugno e di Armstrong. E anche prima di Coppi. Il titolo di “Campionissimo del ciclismo” è stato coniato per lui, per Costante Girardengo.
Un atleta che la sua città natale, Novi Ligure, si appresta a celebrare con un concerto, uno spettacolo e una mostra di cimeli. Sono trascorsi quarant’anni dalla morte dell’“Omino di Novi”, avvenuta il 9 febbraio 1978 (oggi alle 10.30 si terrà una commemorazione presso il cimitero di Cassano Spinola), ma il Museo dei Campionissimi ha scelto di ricordarlo nel giorno del suo compleanno, domenica 18 marzo, con una serie di iniziative speciali. A cominciare dall’ingresso gratuito, che diventerà un appuntamento fisso annuale, così come nel giorno del compleanno dell’altro Campionissimo Fausto Coppi, il 15 settembre.

Il 18 marzo sarà inaugurata una mostra in onore di Girardengo, a tale proposito, in collaborazione con la famiglia dell’atleta, il Museo sta ultimando un lavoro di ricerca tra i collezionisti che possano avere oggetti che vadano a intrecciarsi con la vita del grande ciclista (eventuali collezionisti interessati a collaborare possono scrivere a b.gramolotti@comune.noviligure.al.it).

Il 18 marzo coinciderà anche con uno spettacolo in memoria del Campionissimo: alle 21,.00 presso il Museo dei Campionissimi a Novi Ligure, si terrà l’evento “Costante, la nuvola”, un monologo di Davide Mancini. Protagoniste nel prologo musicale del monologo saranno “Le Quattro Chitarre”, che daranno voce, con alcune canzoni di Fabrizio De André, al tema della fatica del vivere quotidiano, che ben si abbina a quello della sofferenza fisica di Costante Girardengo, figlio di un’epoca di ciclismo eroico ma poco indulgente, fatto di sudore e polvere. Le Quattro Chitarre sono composte da Pasquale Dieni, Aldo Ascolese, Gianluca Origone e Gianni Amore. L’incasso della serata sarà devoluto all’associazione novese Diapsi (difesa malati psichici): «Abbiamo già ricevuto l’adesione all’iniziativa da parte delle squadre ciclistiche Fossati e I Cinghiali – dice la portavoce dell’associazione Patrizia Grosso – a conferma che la collaborazione tra le realtà associative e quelle sportive è possibile».

In homepage: foto di Fernanda Bareggi (particolare).
9/02/2018
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus



Pernigotti, la difesa di Muliere
Pernigotti, la difesa di Muliere
"Orde di locuste"
"Orde di locuste"
Antonio Albanese il prossimo 13 dicembre 2018 al Palatenda Alegas con "Personaggi"
Antonio Albanese il prossimo 13 dicembre 2018 al Palatenda Alegas con "Personaggi"
Cantina produttori del Gavi
Cantina produttori del Gavi
DIRTY DANCING FA SOGNARE LA PROVINCIA!! SOGNA INSIEME A NOI SABATO 8 DICEMBRE AD ALESSANDRIA
DIRTY DANCING FA SOGNARE LA PROVINCIA!! SOGNA INSIEME A NOI SABATO 8 DICEMBRE AD ALESSANDRIA
 Dirty Dancing- il musical, nella sua edizione speciale per i 30 anni dall'uscita del film
Dirty Dancing- il musical, nella sua edizione speciale per i 30 anni dall'uscita del film
Una lotta che non si ferma
Una lotta che non si ferma