Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Novi Ligure

Ilva Novi, "per ora andiamo avanti ma si naviga a vista"

"La decisione del giudice di Taranto non ci stupisce più di tanto. Per ora niente scioperi, decidiamo domani, venerdì dopo l'assemblea generale": così la Fiom Cgil di Novi commenta le notizie che arrivano dalla città pugliese. "Per ora abbiamo lavoro, ma si naviga a vista"
Calma e sangue freddo. E' la linea che sceglie l'Ilva di Novi di fronte alle notizie che arrivano da Taranto.  “La decisione del gip di Taranto non ci sorprende più di tanto. Ce la aspettavamo. La prossima settimana sarà quella decisiva”. 
Il gip della città pugliese Patrizia Todisco ha infatti detto no al piano formulato dall'Ilva di interventi immediati per il risanamento degli impianti inquinanti. No anche al mantenimento di un minimo di produzione chiesto dall'azienda. La decisione è contenuta nel provvedimento depositato ieri dal giudice in cancelleria. "Non c'é spazio per proposte al ribasso da parte dell'Ilva circa gli interventi da svolgere e le somme" da stanziare. "I beni in gioco - salute, vita e ambiente, ma anche il diritto ad un lavoro dignitoso ma non pregiudizievole della salute di un essere umano - non ammettono mercanteggiamenti" ha dichiarato la Todisco, secondo quanto riporta l'agenzia Ansa.
Il gip ha poi respinto anche le richieste di rimessione in libertà avanzate dai legali di Emilio e Nicola Riva, ex presidenti dell'Ilva, e di Luigi Capogrosso, direttore fino allo scorso mese di giugno dello stabilimento siderurgico tarantino. I tre sono agli arresti domiciliari dal 26 luglio scorso.
“La Todisco aveva già detto che l'Ilva, a suo giudizio, deve chiudere. Quindi questo no non ci coglie di sorpresa – dice Massimiliano Repetto, delegato Fiom Cgil che all'interno dell'Ilva di Novi rappresenta la maggioranza dei lavoratori”.
Al contrario dei colleghi di Cisl e Uil, gli aderenti a Cgil non incroceranno le braccia. “Fiom rinvia ogni decisione a domani, venerdì 28. A Taranto si terrà l'assemblea nazionale della siderurgia. In quella sede Fiom aprirà la vertenza nei confronti di Riva per ottenere il risanamento”, spiega Repetto che andrà a Taranto come delegato sindacale.
Entro la prossima settimana, poi, dovrebbe essere approvata l'Aia, l'autorizzazione integrata ambientale che conterrà le prescrizioni per continuare a produrre in sicurezza.
Per il momento, “la situazione di Taranto non influisce sul nostro lavoro – assicura il sindacalista novese – Abbiamo un buon livello di ordinativi a cui riusciamo a far fronte poiché di fatto la produzione non si è mai fermata, neppure a Taranto. I rotoli di acciaio che a Novi vengono laminati continuano ad arrivare per ora”. Dopo le prescrizioni dell'Aia non si sa. “Navighiamo a vista – ammette però Repetto – vediamo se non proprio di giorno in giorno almeno di settimana in settimana”.
27/09/2012
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus



La Maddalena in video
La Maddalena in video
La Barbera Incontra 2018 - Tre giorni di Musica, spettacolo, dibattiti e divertimento
La Barbera Incontra 2018 - Tre giorni di Musica, spettacolo, dibattiti e divertimento
Maddalena, visita virtuale
Maddalena, visita virtuale
La Barbera Incontra 15-16-17 giugno 2018 San Damiano d'Asti
La Barbera Incontra 15-16-17 giugno 2018 San Damiano d'Asti
Valditerra e Caffè Gel, cena gourmet
Valditerra e Caffè Gel, cena gourmet
Focaccia novese, è record!
Focaccia novese, è record!
Verso la focaccia dei record
Verso la focaccia dei record