Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Cultura

Invasioni digitali: visite gratuite nei luoghi di cultura

A ogni partecipante viene chiesto di fare un racconto dell’esperienza che ha vissuto, foto e video. Primi appuntamenti il 30 aprile e il 1° maggio a Tortona, Volpedo, Arquata Scrivia e Gavi
CULTURA - Dal 22 aprile all’8 maggio tornano le Invasioni Digitali, quattro sono previste nella zona di Tortona. Nate nel 2013 da una idea di Fabrizio Todisco e Marianna Marcucci, le invasioni digitali si propongono di raccontare il territorio attraverso i socialnetwork, sono un progetto digitale ma anche un progetto umano, in grado di generare comunità.

Gli invasori digitali sono invasori amici, utenti della rete che al grido di #LiberiamoLaCultura portano una serie di vantaggi al museo, al territorio e quindi anche alla comunità locale che lo abita tutelando i beni culturali; promuovendo l’uso delle nuove tecnologie. Imparare divertendosi ad utilizzare i social network per realizzare un prodotto e non solo come passatempo; rilanciando la passione per la cultura, che diventa esperienza. Il consumatore diventa anche produttore di contenuti. Nasce la figura del prosumer, parola inglese che significa produttore e consumatore insieme; avvicinando le nuove generazioni alla cultura. I più giovani si basano quasi esclusivamente su internet per informarsi, se i musei non sono presenti sui social media rischiano di diventare sconosciuti ai millenials, coloro che sono nati dopo l’anno 2000; facendo conoscere e generando il senso di appartenenza verso il museo alla popolazione locale, una fetta di utenza molto importante che, se coinvolta, diventa un bene immateriale per il museo; generando marketing territoriale, intercettando la comunità di professionisti e appassionati di viaggi e cultura e diventando una risorsa per il turismo.

All’atto pratico le Invasioni Digitali non sono altro che visite guidate gratuite e “attive” nei luoghi di cultura: ad ognuno dei partecipanti viene chiesto di fare un racconto dell’esperienza che ha vissuto, foto e video ma anche carta e penna sono gli strumenti utilizzati dagli invasori. Una pratica vista di buon occhio anche dal Mibact (Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo) che ogni anno dà il suo patrocinio. Le invasioni digitali previste a Tortona e tortonese si sviluppano su due giornate: sabato 30 aprile e sabato 7 maggio. Per garantire la possibilità di partecipare a questa iniziativa ai turisti, le giornate tortonesi proseguiranno, le domeniche successive, nell’adiacente distretto del novese, facente capo a Novi Ligure.
Ecco le date:
  • 30 aprile ore 10,30 - Invasioni a il Divisionismo Pinacoteca Fondazione C.R. Tortona;
  • 30 aprile ore 15 - Invasioni ai Musei Pellizza da Volpedo;
  • 1° maggio ore 10:30 - Invasioni digitali alla Casa Gotica di Arquata Scrivia 
  • 1° maggio ore 15 - Invasioni digitali ai tesori di Gavi
  • 7 maggio ore 10:30 - Invasioni a Casa Coppi a Castellania
  • 7 maggio ore 16:00 - Invasioni a Museo Diocesano di Tortona
  • 8 maggio ore 10:30 - Invasioni digitali a Libarna, scene di vita nella città romana 
  • 8 maggio ore 15:00 - Invasioni digitali ai tesori di Novi Ligure
29/04/2016
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus



Operazione dei carabinieri
Operazione dei carabinieri
Porte aperte al Marenco
Porte aperte al Marenco
Monile Viaggi: Creiamo esperienze
Monile Viaggi: Creiamo esperienze
Maurizio Landini alla Festa d'Aprile
Maurizio Landini alla Festa d'Aprile
Parco Euronovi
Parco Euronovi
Porte aperte al Marenco
Porte aperte al Marenco
Nuovo allestimento per “I Percorsi dell’Arte” dedicato a Carlo Carrà
Nuovo allestimento per “I Percorsi dell’Arte” dedicato a Carlo Carrà