Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Cronaca

Un morto sul lavoro ogni mese, ora basta

Pi sicurezza e pi formazione. Lo chiedono i sindacati ma anche il mondo civile dopo la morte di Davide Olivieri, il 22 enne rimasto vittima di un incidente sul lavoro a Vignole Borbera. Lavorava alla Sli da sette mesi. Ieri i cancelli dell'azienda sono rimasti chiusi in segno di lutto
 VIGNOLE BORBERA – Lavorava alla Sli, azienda che si occupa di miscelazione di olii lubrificanti, da sette mesi. Era un ragazzo volenteroso e attento, con regolare patentino per condurre il muletto che lo ha travolto, mercoledì mattina. Ieri i cancelli dello stabilimento sono rimasti chiusi in segno di lutto e le lavorazioni sospese, in accordo con la direzione e i sindacati.
Sarà la magistratura, che ha aperto un fascicolo, a ricostruire le cause che hanno provocato l'incidente,insieme ai carabinieri e allo Spresal, il servizio di sicurezza dell'Asl.
Fin da subito la direzione ha dichiarato che “Il giovane operaio era in possesso di patentino in corso di validità per la conduzione di carrelli industriali, rilasciato il giorno 17 luglio 2017 da Anfos (Associazione Nazionale Sicurezza sul Lavoro). Ha frequentato e superato tutti i corsi di formazione sulla sicurezza organizzati dall’azienda. Tutti i muletti in servizio presso SLI sono sottoposti a manutenzione trimestrale come prevede la normativa in materia: il carrello condotto dal giovane operaio aveva superato positivamente i controlli lo scorso 4 aprile”.
Le cause andranno comunque cercate, se ci sono, per non arrendesi all'idea di destino così assurdo, che ha tolto la vita ad un giovane di 22 anni.
Davide, hanno raccontato i colleghi, stava staccando per una pausa. Si trovava in un'area del capannone logistico adibita alle manovre. Potrebbe avere urtato una paratia o essere incappato in un dislivello del terreno che ha provocato il ribaltamento del mezzo. Quando è stato trasportato all'ospedale di Alessandria le sue condizioni sono apparse critiche ma, non essendo lesi organi vitali, c'era la speranza che si potesse salvare. Si è spento invece attorno alle 23.
I sindacati, unanimamente, hanno chiesto maggiori interventi per porre fine ad una sequenza di sangue che sembra inarrestabile.

Dall’inizio del 2018 in Provincia un morto sul lavoro ogni mese. Due morti al giorno in Italia.
“Un lutto senza fine per il quale non sembra esserci soluzione e speranza. La strage si può fermare solo se si investono risorse per formare Ispettori e per potenziare il servizio di prevenzione e protezione delle Asl. Il disinteresse provoca morte – dice Franco Armosino, segretario provinciale Cgil - E’ necessario formare e aumentare la sensibilità dei lavoratori e dei datori di lavoro. Bisogna sanzionare con fermezza i responsabili.”
“Siamo profondamente colpiti ed addolorotati per la morte di Davide", le prime parole di Alessandro Lotti, Segretario generale Felsa Piemonte,sindacato al quale Davide avevaaderito.
"In attesa di conoscere la dinamica dell'incidente, al vaglio delle autorita' competenti, vogliamo ribadire che occorrono piu' investimenti per la formazione di tutti lavoratori, e che la sicurezza deve restare l'elemento centrale del lavoro, insieme alle attivita' legate alla prevenzione dei lavoratori piu' giovani ed inesperti, sempre piu' spesso vittime di infortuni come indicano i dati".
Sul drammatico episodio e' intervenuto anche Claudio Cavallaretto, della Femca Cisl Alessandria Asti, che si occupa dei lavoratori dipendenti del settore chimico: "Non si puo' continuare a morire di lavoro. Ancora un morto, ancora una giovane vita spezzata che allunga quella che ormai va assumendo le dimensioni di una strage".
Se ne parlerà anche in Parlamento, dove Federico Fornaro, capogruppo alla Camera di Leu, ha presentato una richiesta al neo ministro:
"Non ci arrenderemo ad accettare come ineluttabile questo bollettino di morti sul lavoro che oggi si è allungato per la morte di Davide Olivieri, giovane operaio rimasto schiacciato da un muletto in un'azienda di Vignole Borbera.Il gruppo di Leu nei giorni scorsi aveva richiesto ai Presidenti di Camera e Senato di convocare le due aule in contemporanea proprio sul tema della sicurezza del lavoro. In risposta alla nostra sollecitazione, Giovedì 14.6 alle ore 15 alla Camera il ministro del Lavoro svolgerà una informativa urgente del Governo sugli incidenti nei luoghi di lavoro.
In quella occasione faremo sentire forte la nostra voce perché siano rafforzate le risorse umane ed economiche per la prevenzione e la repressione delle violazioni delle leggi esistenti: non si può continuare a morire lavorando con questa drammatica frequenza di incidenti ".

8/06/2018
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus



La Maddalena in video
La Maddalena in video
La Barbera Incontra 2018 - Tre giorni di Musica, spettacolo, dibattiti e divertimento
La Barbera Incontra 2018 - Tre giorni di Musica, spettacolo, dibattiti e divertimento
Incendio alle Capanne di Marcarolo: le operazioni dei Vigili del Fuoco
Incendio alle Capanne di Marcarolo: le operazioni dei Vigili del Fuoco
Maddalena, visita virtuale
Maddalena, visita virtuale
La Barbera Incontra 15-16-17 giugno 2018 San Damiano d'Asti
La Barbera Incontra 15-16-17 giugno 2018 San Damiano d'Asti
Valditerra e Caffè Gel, cena gourmet
Valditerra e Caffè Gel, cena gourmet
Focaccia novese, è record!
Focaccia novese, è record!