Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Terza Categoria

Novese a valanga sul PieMonte: domenica prossima si decide tutta una stagione

Sarà l’ultima di campionato a dire chi fra Novese e Pizzerie Muchacha salirà in Seconda categoria: gli alessandrini contro la Tiger, i biancocelesti ospitano la Soms Valmadonna
BASSIGNANA  Sarà l’ultima di campionato a dire chi fra Novese e Pizzerie Muchacha salirà in Seconda categoria. Un torneo di Terza categoria entusiasmante dove le due squadre hanno continuato un testa a testa dalla prima all’ultima giornata e domenica prossima dalle 15 i telefoni delle rispettive dirigenze saranno caldissimi per conoscere il risultato dell’avversario anche perché le Pizzerie Muchacha se la vedranno con la Tiger Novi. La Novese invece ospiterà la Soms Valmadonna, squadra che non ha nulla da chiedere alla stagione ma che all’andata qualche problema a Olivieri e compagni lo ha dato.

La dirigenza della Novese spera di vedere un Girardengo gremito di tifosi per potere festeggiare al primo anno di rinascita del club, un successo e un feeling coi tifosi che si spera ritrovato perché negli ultimi mesi gli spalti del Girardengo hanno registrato una crescita costante di supporter, segno che la filosofia del club (far giocare in prima squadra ragazzi principalmente cresciuti nel vivaio che ha ridato il nome al club) è stata recepita.

Intanto, domenica 13, col Piemonte, la Novese ha vinto 9-0 in trasferta contro una squadra mentalmente in vacanza mentre la truppa di Balsamo continua a lavorare per l’obbiettivo di inizio stagione e a farlo con dedizione e serietà. A segno a Bassignana, Olivieri, Manfrinati, Geretto (doppiette per loro due), Giordano, Bosic, Debenedetti. L’intento dei novesi infatti è di vincere anche l’ultima di campionato per non vivere in base ai risultati degli altri. Per farlo, la Novese vuole festeggiare con un successo domenica, e tornare a vedere sventolare le bandiere biancocelesti allo stadio, come quella che un giovane tifoso fa innalza da qualche settimana spiegando che quella bandiera gliela regalò la mitica Mary una decina di anni fa quando era un bambino. Da allora l’ha custodita e ora è tornato a farla sventolare, orgoglioso di portare a vanti una tradizione che sente di avere ricevuto in staffetta dalla ormai scomparsa tifosa numero uno della Novese del tempo che fu.

Comunque vada, la dirigenza della Novese può essere orgogliosa del lavoro fatto: riportare a Novi ragazzi che da anni non giocavano in città, far esordire in prima squadra ragazzi della leva 2001 o 2002 sono motivi di orgoglio, il tutto con un budget non illimitato e soprattutto con un basso profilo, senza proclami e inutili voli pindarici. Non resta che aspettare domenica pomeriggio per vedere realizzato un sogno anche se prima c’è da rimanere concentrati per 90’ e cercare di chiudere la più presto la pratica-Valmadonna. Poi, sarà il momento della festa. Se lo augurano i tifosi e gi sportivi perché al di là della diatriba su chi sia l’erede della vera Novese (nessuno almeno fino a che il Tribunale non metterà all’asta il titolo sportivo), questa Novese con un numero di matricola Figc recentissimo, ha il merito di avere evitato la dispersione del vivaio biancoceleste del tempo che fu.
14/05/2018
Maurizio Iappini - sport@alessandrianews.it
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus



La Maddalena in video
La Maddalena in video
La Barbera Incontra 2018 - Tre giorni di Musica, spettacolo, dibattiti e divertimento
La Barbera Incontra 2018 - Tre giorni di Musica, spettacolo, dibattiti e divertimento
Maddalena, visita virtuale
Maddalena, visita virtuale
La Barbera Incontra 15-16-17 giugno 2018 San Damiano d'Asti
La Barbera Incontra 15-16-17 giugno 2018 San Damiano d'Asti
Valditerra e Caffè Gel, cena gourmet
Valditerra e Caffè Gel, cena gourmet
Focaccia novese, è record!
Focaccia novese, è record!
Verso la focaccia dei record
Verso la focaccia dei record