Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Basaluzzo

Perizia psichiatrica per la donna che uccise il marito

Accolta la richiesta del legale di Ana Fernando Nhare che la donna venga sottoposta a perizia psichiatrica. E' accusata dell'uccisione del marito, Walter Corradini, avvenuta lo scorso 15 agosto in un piccolo condominio di Basaluzzo
CRONACA - Cosa spinse  Ana Fernando Nhare, 63 anni, a colpire il marito, Walter Corradini, 69 anni, con una decina di coltellate la mattina di ferragosto? Lo stabilirà la perizia psichiatrica chiesta dall'avvocato di difesa Daniele Amapane e conferita ieri mattina dal tribunale di Alessandria.

La donna aveva confidato ad alcune amiche aveva confidato di essere "depressa" e di aver subito per anni le "vessazioni" del marito, conosciuto durante uno dei viaggi di lavoro di lui, in Mozambico.
La mattina all'alba di ferragosto tra i due scoppiò una lite, finita in tragedia. 

I due erano in fase di separazione. Lei lo aveva già denunciato una volta per violenza, ma aveva ritirato la querela. Aveva anche provato ad allontanarsi, avevanoperò  mantenuto i contatti e qualche volta faceva ritorno nella casa coniugale.
A dare l'allarme la mattina del 15 agosto era stato un vicino di casa che aveva udito delle urla.
Quando arrivarono i carabinieri Ana era sul vialetto di casa, con i vestiti insanguinati e il coltello nella borsa: "stavo venendo da voi" avrebbe detto ai militari. Da quel giorno è rinchiusa nel carcere di Torino mentre il figlio poco più che ventenne è tornato a vivere nella casa di Basaluzzo. I due non si sarebbero più incontrati.

Secondo l'avvocato Amapane ci sono elementi che indurrebbero a pensare che, quella note, dopo l'ennesimo litigio, la donna non fosse in grado di capire pienamente cosa stava facendo.
Si attendono ancora i risultati sull'autopsia eseguita sul corpo dell'uomo. Il termine di consegna della perizia scade a breve, a fine mese. Dalle analisi potrebbero arrivare alcune risposte, sulla volontarietà del gesto e sulla dinamica della lite. La donna, infatti, non presentava segni di colluttazione, mentreil figlio aveva una ferita alla mano, refertata, che spiegò dicendo di aver tentato di togliere l'arma dalle mani della madre. 
La donna durante l'interrogatorio di garanzia non era stata ingrado di ricostruire esattamente cosa era accaduto. Era "confusa" disse il legale. Motivo per il quale è stata chiesta ed ottenuta la perizia psichiatrica che stabilirà la capacità di intendere e di volere ma anche la possibilità per la donna di affrontare il processo.
10/11/2017
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus



Tony Coleman & Henry Carpaneto 5tet al Cinema Teatro Macall? "Movie Blues"
Tony Coleman & Henry Carpaneto 5tet al Cinema Teatro Macall? "Movie Blues"
Intervista ad Antonio Caprarica a La Torre di Carta di Novi Ligure
Intervista ad Antonio Caprarica a La Torre di Carta di Novi Ligure
Virgo Fidelis
Virgo Fidelis
Chaves, il saluto sul crinale
Chaves, il saluto sul crinale
Tony Coleman & Henry Carpaneto 5tet al Cinema Teatro Macallè  "Movie Blues"
Tony Coleman & Henry Carpaneto 5tet al Cinema Teatro Macallè "Movie Blues"
Distilleria aperta
Distilleria aperta
Love date, amore e web
Love date, amore e web