Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Gavi

Gavi, il Forte mette in scatola la storia della comunicazione

Una selezione di scatole in latta per biscotti, dolci e caramelle risalenti al 1900, per illustrare come i messaggi pubblicitari si siano evoluti con il passare del tempo. Per un mese il forte di Gavi diventerà la capitale delle scatole di latta. E intanto si pensa a un logo per promuovere l'antica fortezza
GAVI – Una selezione di scatole in latta per biscotti, dolci e caramelle risalenti al 1900, per illustrare come i messaggi pubblicitari si siano evoluti con il passare del tempo. A partire dall’8 dicembre il forte di Gavi diventerà per un mese la capitale delle scatole di latta, grazie a una mostra che sarà allestita nella ex cappella del “basso forte” e che sarà inaugurata proprio venerdì alle 11.00. Per la direttrice Annamaria Aimone sarà anche l’occasione per presentare il bando di concorso realizzato in sinergia tra il Polo museale del Piemonte e il Politecnico di Torino, per l’elaborazione del logo del forte.

Un elemento niente affatto banale, visto che oggi il successo di un locale, di un’azienda o – perché no? – di un museo dipende anche dall’appropriatezza del suo logo (Bard docet: il simbolo del forte valdostano è oggetto di un merchandising che comprende magliette, cappelli, tazze, quaderni, matite, penne e chissà quanto altro). Il lancio del bando per il nuovo logo servirà anche per una riflessione sulla comunicazione con le lectio magistralis di Titti Garelli e Nadia Berta, in un ambiente suggestivo, riempito di fascino dalla presenza del musicista Paolo Lova, che proporrà virelai, danze, ballate e madrigali ispirati al ruolo della donna nel medioevo.

Oltre alle collezioni private (di Moralba Focone ed Ennio Morgavi) si potrà ammirare l’ambientazione ricreata di un antico caffè, a cura di Anna Rosa Nicola. Un viaggio nel Piemonte attraverso il ricordo, l’illustrazione e la musica. Il progetto “Scatole di latta” è curato da Vittoria Pompò e da Antonella Pinna. La mostra rimarrà aperta fino al 6 gennaio e si svolge in collaborazione con il Distretto del Novese (all’inaugurazione porterà i saluti Barbara Gramolotti), la pro loco di Gavi e le associazioni Amici del forte, Esercenti gaviesi e Amici dell’arte.

Foto: Distretto del Novese, Alexala.
3/12/2017
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus



Il gioiello di Cerreto
Il gioiello di Cerreto
Intervista a Marco Lodola e Giovanna Fra all'inaugurazione della loro mostra "Se Stasera Siamo Qui"
Intervista a Marco Lodola e Giovanna Fra all'inaugurazione della loro mostra "Se Stasera Siamo Qui"
Bike Passion
Bike Passion
Villalvernia ricorda le bombe
Villalvernia ricorda le bombe
Amaldi, il plauso del ministro
Amaldi, il plauso del ministro
Enzo Paci a SettimoCielo
Enzo Paci a SettimoCielo
Virgo Fidelis
Virgo Fidelis