Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Serravalle Scrivia

Un progetto di crowdfunding per effettuare scavi a Libarna

L'area archeologia di Libarna, che ha da poco salutato i ricercatori americani che l'hanno sondata attraverso l'utilizzo del georadar per tutto il mese di luglio, è pronta a riaccoglierli nel 2019 con due importanti novità: una campagna di scavi che porterà alla luce gli edifici che sono stati scoperti da drone e georadar e un progetto di ricerca delle risorse economiche per avviare gli scavi
SERRAVALLE SCRIVIA - L'area archeologia di Libarna, che ha da poco salutato i ricercatori americani che l'hanno sondata attraverso l'utilizzo del georadar per tutto il mese di luglio, è pronta a riaccoglierli nel 2019 con due importanti novità: una campagna di scavi che porterà alla luce gli edifici che sono stati scoperti da drone e georadar e un progetto di ricerca delle risorse economiche per avviare gli scavi.

La campagna di ricerca archeologica 2018 che ha visto impegnate la Boise State University e la Texas Tech University, a cui da quest’anno si è aggiunta anche la Colorado School of Mines, si è conclusa con la consegna a tutto il team statunitense della maglia di Libarna - la polo della squadra delle “divise blu” dell'area archeologica - da parte dell'associazione Libarna Arteventi.

Durante il mese di luglio sono state effettuate nuove prospezioni geofisiche, attraverso l'utilizzo del georadar, condotte da cinque ricercatori e quattro studenti nell'ambito del progetto di ricerca Libarna Urban Landscapes Project (Lulp), in collaborazione con la Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio per le province di Alessandria Asti e Cuneo.

Le indagini di quest’anno hanno permesso di individuare strutture ad oltre 2 metri di profondità, grazie al georadar è stato possibile osservare abitazioni, strade, botteghe e altri edifici di epoca romana, comprese le terme, la cui area era già stata oggetto di scavo all'inizio del '900 e successivamente ricoperta.

Integrando i nuovi dati restituiti dal georadar con i rilievi effettuati lo scorso anno con il drone, è stato quindi possibile mappare con maggiore precisione i contorni dell'antica città ancora sommersa e individuare la posizione di alcuni edifici, preparando quindi il terreno a future campagne di scavo.

L'obiettivo dei ricercatori americani a questo punto è quello di ritornare il prossimo anno avviando una nuova attività di scavo per cui occorrono risorse dedicate, per questo motivo i referenti scientifici nei prossimi mesi lanceranno in rete una grande campagna di crowdfunding finalizzata proprio a raccogliere i fondi necessari, con la speranza di trovare, nel frattempo, un grande sponsor che finanzi interamente le indagini archeologiche di Libarna legate a questo progetto.
3/08/2018
Lucia Camussi - l.camussi@ilnovese.info
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus



La Maddalena in video
La Maddalena in video
La Barbera Incontra 2018 - Tre giorni di Musica, spettacolo, dibattiti e divertimento
La Barbera Incontra 2018 - Tre giorni di Musica, spettacolo, dibattiti e divertimento
Incendio alle Capanne di Marcarolo: le operazioni dei Vigili del Fuoco
Incendio alle Capanne di Marcarolo: le operazioni dei Vigili del Fuoco
Maddalena, visita virtuale
Maddalena, visita virtuale
La Barbera Incontra 15-16-17 giugno 2018 San Damiano d'Asti
La Barbera Incontra 15-16-17 giugno 2018 San Damiano d'Asti
Valditerra e Caffè Gel, cena gourmet
Valditerra e Caffè Gel, cena gourmet
Focaccia novese, è record!
Focaccia novese, è record!