Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Serravalle Scrivia

Un progetto di crowdfunding per effettuare scavi a Libarna

L'area archeologia di Libarna, che ha da poco salutato i ricercatori americani che l'hanno sondata attraverso l'utilizzo del georadar per tutto il mese di luglio, è pronta a riaccoglierli nel 2019 con due importanti novità: una campagna di scavi che porterà alla luce gli edifici che sono stati scoperti da drone e georadar e un progetto di ricerca delle risorse economiche per avviare gli scavi
SERRAVALLE SCRIVIA - L'area archeologia di Libarna, che ha da poco salutato i ricercatori americani che l'hanno sondata attraverso l'utilizzo del georadar per tutto il mese di luglio, è pronta a riaccoglierli nel 2019 con due importanti novità: una campagna di scavi che porterà alla luce gli edifici che sono stati scoperti da drone e georadar e un progetto di ricerca delle risorse economiche per avviare gli scavi.

La campagna di ricerca archeologica 2018 che ha visto impegnate la Boise State University e la Texas Tech University, a cui da quest’anno si è aggiunta anche la Colorado School of Mines, si è conclusa con la consegna a tutto il team statunitense della maglia di Libarna - la polo della squadra delle “divise blu” dell'area archeologica - da parte dell'associazione Libarna Arteventi.

Durante il mese di luglio sono state effettuate nuove prospezioni geofisiche, attraverso l'utilizzo del georadar, condotte da cinque ricercatori e quattro studenti nell'ambito del progetto di ricerca Libarna Urban Landscapes Project (Lulp), in collaborazione con la Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio per le province di Alessandria Asti e Cuneo.

Le indagini di quest’anno hanno permesso di individuare strutture ad oltre 2 metri di profondità, grazie al georadar è stato possibile osservare abitazioni, strade, botteghe e altri edifici di epoca romana, comprese le terme, la cui area era già stata oggetto di scavo all'inizio del '900 e successivamente ricoperta.

Integrando i nuovi dati restituiti dal georadar con i rilievi effettuati lo scorso anno con il drone, è stato quindi possibile mappare con maggiore precisione i contorni dell'antica città ancora sommersa e individuare la posizione di alcuni edifici, preparando quindi il terreno a future campagne di scavo.

L'obiettivo dei ricercatori americani a questo punto è quello di ritornare il prossimo anno avviando una nuova attività di scavo per cui occorrono risorse dedicate, per questo motivo i referenti scientifici nei prossimi mesi lanceranno in rete una grande campagna di crowdfunding finalizzata proprio a raccogliere i fondi necessari, con la speranza di trovare, nel frattempo, un grande sponsor che finanzi interamente le indagini archeologiche di Libarna legate a questo progetto.
3/08/2018
Lucia Camussi - l.camussi@ilnovese.info
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus



Cinquant'anni di Amaldi
Cinquant'anni di Amaldi
Maurizio Vandelli in concerto al Festival Contro 2018
Maurizio Vandelli in concerto al Festival Contro 2018
Ponte Morandi, tir sequestrati
Ponte Morandi, tir sequestrati
Gavi, le foto vincitrici
Gavi, le foto vincitrici
Fai, Novi è delegazione
Fai, Novi è delegazione
Manifestazione Iperdì
Manifestazione Iperdì
Incidente sulla statale
Incidente sulla statale