Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Bosio

Sulle tracce del lupo, a Bosio un incontro per conoscere il predatore

Viviamo in una società nella quale è difficile che una persona veda il lupo in natura, ma nonostante questo è l'animale selvatico più presente nel nostro immaginario collettivo: a Bosio una conferenza per conoscere il predatore
BOSIO – Quanti lupi sono stimati in Piemonte? E quanti lupi ci sono nei nostri ricordi d’infanzia, nella storia, nei modi di dire, sulle copertine dei libri e nella pubblicità? Luca Giunti, guardiaparco delle Aree protette delle Alpi Cozie, risponderà a queste domande attraverso un’interessante e divertente proiezione dal titolo “Sulle tracce del lupo” che sarà presentata al pubblico venerdì 15 marzo, alle 21.00, nel salone parrocchiale di Bosio.

La serata dedicata al predatore fa parte delle iniziative divulgative dell’ente Aree protette dell’Appennino Piemontese. La presentazione è composta da tre parti: il lupo e la sua presenza dal punto di vista storico, le attività del Progetto Lupo della Regione Piemonte che rappresenta una tra le più vaste ricerche scientifiche a livello nazionale e internazionale e, infine, la percezione del predatore nell’immaginario collettivo.

«Viviamo in una società nella quale è difficile che una persona qualunque veda il lupo in natura, ma nonostante questo è l’animale selvatico più presente nel nostro immaginario collettivo – dice Luca Giunti – Il lupo è citato nella Bibbia, nella Divina Commedia, nelle opere di Manzoni e Shakespeare, nelle immagini pubblicitarie e nei modi di dire, nei toponimi e nelle automobili». «Il lupo ha un’immagine ambivalente: possiede una parte selvaggia, animalesca, con risvolti negativi di lussuria e voracità, ma in altre occasioni rappresenta valori come lealtà, fierezza, coraggio, fedeltà, capacità di lavorare in branco», spiega.

Nella conferenza sono trattati tutti gli aspetti che riguardano il lupo, compresi i più difficili quali i rapporti con le attività pastorali e la caccia. Il ritorno del lupo nelle aree montane piemontesi rappresenta oggi una bella e moderna sfida: riuscirà l’uomo a convivere con il predatore?

Immagine: giovane femmina di lupo, foto Francesca Mantero.
10/03/2019
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus



Pernigotti, vertice al Mise
Pernigotti, vertice al Mise
Derubato il cantante degli Ex Otago
Derubato il cantante degli Ex Otago
Incendio al passo della Bocchetta
Incendio al passo della Bocchetta
Di corsa per Pernigotti e Iperdì
Di corsa per Pernigotti e Iperdì
Sabbione presenta il Ventotto
Sabbione presenta il Ventotto
Incendio alla Merella
Incendio alla Merella
Pernigotti, Natale con il vescovo
Pernigotti, Natale con il vescovo