Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Novi Ligure

Iperdì, dipendenti ancora senza paga. L'azienda tratta la vendita dei supermercati

Sono ancora senza stipendio i 21 lavoratori dell'Iperdì di Novi Ligure. Gli scaffali sono quasi vuoti e tutto viene venduto con il 70 per cento di sconto. Intanto l'azienda ha annunciato di essere in trattativa per la cessione di 20-25 punti vendita
NOVI LIGURE – Sono ancora senza stipendio i lavoratori dell’Iperdì di Novi Ligure, al pari dei colleghi degli altri supermercati appartenenti al gruppo Gca Generalmarket. Ieri, davanti alla sede della Regione Lombardia, è andata in scena la protesta dei dipendenti che ormai da luglio non percepiscono la retribuzione. Striscioni alla mano, sostenuti dai sindacati di categoria Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl e Uiltucs-Uil, i commessi sono scesi in strada per chiedere quanto di loro diritto [nella foto].

L’azienda – che fa capo alla famiglia Franchini e conta decine di punti vendita a marchio Iperdì e Superdì quasi tutti in Lombardia – ha dichiarato che verserà ai lavoratori il 40 per cento dello stipendio arretrato di luglio. Di fronte alla commissione Attività produttive della Regione, il rappresentante della Gca Francesco Natalini ha inoltre spiegato che la trattativa per «cedere 20-25 punti vendita a un player del settore» è alle battute finali e dovrebbe chiudersi entro il 20 settembre. Sempre in commissione è stato spiegato che è stato posto come condizione all’acquirente di «prendere il pacchetto completo, negozi e dipendenti, evitando licenziamenti». E i punti vendita che non verranno ceduti potrebbero rimanere nella mani della Gca, perché la società non intende cessare del tutto l’attività.

Le rassicurazioni sui licenziamenti non convincono i sindacati. E nel frattempo, ad agosto, dei 37 supermercati della Gca, due sono stati ceduti al gruppo Il Gigante, portando l’attuale perimetro aziendale a 35 store.

Gli scaffali intanto sono praticamente vuoti, anche a Novi Ligure: dopo la svendita della settimana scorsa, con tutta la merce offerta a metà prezzo, lo sconto è stato ulteriormente aumentato e portato al 70 per cento, per svuotare del tutto il supermercato. «Non sappiamo fino a quando terremo aperto, nessuno finora ha ritenuto opportuno informarci. Viviamo alla giornata», commentano i 21 commessi di via Oneto che comunque si presentano puntualmente al lavoro. «Abbiamo anche scritto al ministro Luigi Di Maio, speriamo che possa intervenire ma finora non abbiamo avuto risposte».

Foto: Filcams-Cgil.
15/09/2018
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus



Maurizio Vandelli in concerto al Festival Contro 2018
Maurizio Vandelli in concerto al Festival Contro 2018
Cristiano De Andr? apre il Festival contro 2018 a Castagnole Lanze
Cristiano De Andr? apre il Festival contro 2018 a Castagnole Lanze
Incidente sulla statale
Incidente sulla statale
Biodigestore Carentino: il presidio contro il progetto durante la Conferenza dei Servizi
Biodigestore Carentino: il presidio contro il progetto durante la Conferenza dei Servizi
Pattinaggio artistico Aurora
Pattinaggio artistico Aurora
Maurizio Vandelli a Castagnole Lanze per Festival Contro 2018
Maurizio Vandelli a Castagnole Lanze per Festival Contro 2018
Cristiano De André canta De André al Festival Contro 2018
Cristiano De André canta De André al Festival Contro 2018