Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Novi Ligure

Un piazzale ricordera' le vittime dei bombardamenti

Anche le vittime dei bombardamenti di Novi verificatisi nel corso della seconda guerra mondiale saranno ricordati con l’intitolazione del piazzale delle corriere che si trova di fronte all’ex sede della Pretura di via Pietro Isola. La commissione consiliare, nei giorni scorsi, ha dato il via libera alla proposta del consigliere comunale Pino Dolcino. In programma anche altre intitolazione di vie e strade, al G3 e al Lodolino.
NOVI LIGURE - Anche le vittime dei bombardamenti di Novi verificatisi nel corso della seconda guerra mondiale saranno ricordati con l’intitolazione del piazzale delle corriere che si trova di fronte all’ex sede della Pretura di via Pietro Isola. La commissione consiliare, nei giorni scorsi, ha dato il via libera alla proposta del consigliere comunale Pino Dolcino (nella foto).

"Credo sia importante – dice Dolcino – ricordare quei tanti novesi che hanno perso la vita durante i bombardamenti e ritengo che il luogo più adatto sia il piazzale delle corriere che si trova nell’area che fu più colpita dalle bombe. Ho rivolto questa richiesta all’amministrazione comunale sulla spinta dei racconti di concittadini che durante quei momenti terribili hanno perso sorelle, fratelli, genitori". L’assessore competente Simone Tedeschi andrà in giunta e chiederà il nulla osta al sindaco Lorenzo Robbiano per avviare le procedure per l’intitolazione.

Il prossimo mese di maggio, invece, si terrà l’inaugurazione delle altre vie del quartiere G3 compresa l’intitolazione dell’asilo del quartiere alla novese Lina Borgo Guenna, pedagogista e organizzatrice di istituzioni educative. A Albert Einstein sarà dedicato un tratto di strada compreso fra via Casteldragone e via Ferrando Scrivia al Lodolino.

Sempre al Lodolino il piazzale antistante la scuola media “Boccardo” sarà intitolato a John e Robert Kennedy. Rimanendo nello stesso quartiere, strada privata Tuara A-B diventerà via Massimo Misquezzo, ucciso, in città, a 12 anni, il 15 dicembre 1943 dai nazifascismi così anche un’altra strada del quartiere Lodolino ricorderà il maresciallo Lupano, morto durante un conflitto a fuoco con il bandito Sante Pollastri. "Queste ultime intitolazioni – spiega Tedeschi – sono state suggerite dall’associazione carabinieri in congedo, e dai consiglieri comunali Francesco Sofio e Andrea Vignoli".

Infine il tratto di via compresa fra via Mazzini e via IV Novembre sarà via della Valigeria per ricordare la fabbrica di valige che era presente proprio in quella zona di proprietà della famiglia Affer.
28/04/2013
Marzia Persi - m.persi@ilnovese.info
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus



Un'associazione per Simone Dispensa
Un'associazione per Simone Dispensa
Di corsa per Pernigotti e Iperdì
Di corsa per Pernigotti e Iperdì
Sabbione presenta il Ventotto
Sabbione presenta il Ventotto
Incendio alla Merella
Incendio alla Merella
Pernigotti, Natale con il vescovo
Pernigotti, Natale con il vescovo
Antonio Albanese il prossimo 13 dicembre 2018 al Palatenda Alegas con "Personaggi"
Antonio Albanese il prossimo 13 dicembre 2018 al Palatenda Alegas con "Personaggi"